Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Genova, orrore in lockdown: "Mia madre si e suicidata e l'ho fatta a pezzi"

Alle 4.10 di ieri mattina Giulia Stanganini, 37 anni, è uscita dal suo appartamento a Marassi. Ha preso un taxi in direzione Foce e si è fatta lasciare davanti alla Questura. "Mia madre si è impiccata", ha detto agli agenti. "L'ho tenuta in casa qualche giorno. Poi l'ho fatta a pezzi". I poliziotti sulle prime quasi non ritengono la sua dichiarazione credibile per la quantità di particolari macabri, ma ovviamente mandano una volante a verificare. E scoprono che il racconto è vero in ogni dettaglio: in un appartamento di via Bertuccioni, smembrato tra secchi e buste di plastica, c'è il corpo di Loredana Stupazzoni, bidella in pensione di 63 anni.
E' stato un risveglio scioccante per il civico 5 di questa via a 100 metri dallo stadio Ferraris, dove la signora Loredana abitava e dove anche sua figlia è conosciuta perché dall'inizio del lock down vi si era trasferita dalla sua abitazione nel quartiere di San Fruttuoso. Il suo arrivo non era passato inosservato. "Litigavano spesso", hanno riferito i condomini ai poliziotti, confermando un rapporto burrascoso tra madre e figlia fatto di urla e incomprensioni. Giulia Stanganini è stata interrogata per ore in questura dagli agenti della Squadra mobile ed è indagata per il reato di soppressione di cadavere; a coordinare le indagini è il pubblico ministero Sabrina Monteverde. Nelle prossime ore è probabile che la donna venga indagata anche per omicidio, per consentire di eseguire l'autopsia sui resti della madre. Per ora la squadra mobile diretta dal primo dirigente Stefano Signoretti non ha elementi certi per confermare né per smentire il racconto della donna, che davanti alla polizia non ha mai cambiato versione: continua a ripetere di aver trovato la madre impiccata alcuni giorni fa. Dal giorno del decesso ha spiegato di essere rimasta in casa in presenza del cadavere e aver cominciato a sezionarlo, sino alla decisione, la scorsa notte, di andare dalla polizia.
Quanti giorni siano passati con esattezza dalla morte di Loredana Stupazzoni ancora non è ancora chiaro. Potrebbero essere quattro, forse cinque, al massimo sei: il racconto della figlia non è preciso e questa ricostruzione si basa sull'analisi da parte del medico legale Francesco Ventura. La polizia confida di avere una conferma sulle cause della morte quando verrà effettuata l'autopsia.
Nella giornata di ieri gli agenti hanno intanto ricostruito il profilo di Giulia Stanganini, che risulta reduce da un periodo molto duro della sua vita. La donna, che in serata è stata sottoposta a fermo, è disoccupata da tempo e lo scorso novembre ha perso il figlio di tre anni, morto nell'ospedale Gaslini dopo un malore. Sulla vicenda il pubblico ministero Paola Calleri aveva aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti, ma non era stata esclusa una ipotesi di maltrattamento in famiglia. Delle indagini si erano occupati i carabinieri della Compagnia di San Martino, ma l'autopsia sul corpicino aveva confermato l'arresto cardiocircolatorio. La donna continuava a frequentarsi con l'ex marito e padre del bambino, un uomo di nazionalità tunisina con il quale i rapporti erano costanti ma tesi.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июнь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930