Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Coronavirus, blitz della guardia di finanza al Trivulzio. Sono 300 i morti tra il Pio Albergo e l'istituto Don Gnocchi

La guardia di finanza di Milano sta svolgendo delle perquisizioni al Pio Albergo Trivulzio nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo ed epidemia colposa. Nell'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, risulta indagato il direttore generale dell'istituto Giuseppe Calicchio per epidemia colposa e omicidio colposo. Gli inquirenti stanno verificando eventuali carenze nei protocolli interni e nei dispositivi di sicurezza.
Trivulzio, l'audio tra infermieri: "Cosi hanno nascosto le tac del malato"
Coronavirus, blitz della guardia di finanza al Trivulzio. Sono 300 i morti tra il Pio Albergo e l'istituto Don Gnocchi

in riproduzione....
Condividi
Alcuni operatori sanitari hanno denunciato la mancata messa a disposizione di dispositivi di protezione individuale come le mascherine. E sarebbero stati invitati a non indossarle "per non creare allarmismi". In una lettera, una novantina di medici della struttura ha asserito che le mascherine sarebbero state invece messe a disposizione "a partire già dal 23 febbraio".

rep


[url=http://]
Approfondimento


Coronavirus, l'epidemia insabbiata: al Trivulzio di Milano si indaga su settanta morti[/url]


di GAD LERNER
Tra il Pio Albergo Trivulzio e l’istituto Don Gnocchi, sempre di Milano, sono morti dall’inizio della pandemia circa trecento ospiti. Il picco nei primi giorni di aprile: le morti sono state più numerose rispetto all’intero mese di marzo. Le perquisizioni e le acquisizioni di documenti riguardano anche altre strutture, oltre al Pio Albergo Trivulzio. La squadra di polizia giudiziaria, guidata da Maurizio Ghezzi, è entrata anche negli uffici della Sacra Famiglia di Cesano Boscone e in una residenza a Settimo Milanese, mentre la finanza sta lavorando nelle sedi del Pat. Le attività andranno avanti per tutto il giorno.
Il Trivulzio, fra le residenze sanitarie assiste milanesi, conta il maggior numero di decessi. Sia per questo fascicolo che per gli altri sulle Rsa milanesi, gli inquirenti, con gli investigatori del Nas dei carabinieri e con la finanza, dovranno lavorare su più fronti: dalle analisi sulle centinaia di morti per sospetto Covid-19 fino all'assenza di tamponi e di mascherine e alle minacce denunciate dal personale sanitario. Si indaga anche sulle eventuali omissioni nei referti e nelle cure fornite, sulla presunta 'commistione' tra anziani e pazienti dimessi dagli ospedali e infine sul ruolo dell'amministrazione regionale nella predisposizione di linee guida e piani pandemici.
Fra i punti su cui si concentrano le indagini della procura di Milano sul Pat, così come sulle altre Rsa milanesi, ci sono anche gli effetti della delibera regionale dell'8 marzo che dava la possibilità alla strutture, su base volontaria, di ospitare pazienti Covid dimessi dagli ospedali, perché si era reso "necessario liberare rapidamente i posti letto degli ospedali per acuti (terapie intensive, sub intensive, malattie infettive, pneumologia, degenze ordinare)".
A seguito di quella delibera, il Trivulzio ha assunto il ruolo di centro di 'smistamento' di questi pazienti nelle altre strutture e, invece, formalmente non ha mai ricevuto pazienti colpiti da Coronavirus. La Regione aveva disposto, comunque, che quei pazienti dovessero essere accolti nelle case di riposo in strutture separate rispetto a quelle in cui sono ospitati gli anziani.

rep


[url=http://]
Commento


Pio Albergo Trivulzio, l'occultamento della dignita[/url]


di GAD LERNER
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июнь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930