Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Coronavirus, la foto del San Martino di Genova, speranza e monito in uno scatto con messaggio choc

Nel suo bollettino quotidiano oggi lospedale San Martino diffonde anche una foto che da un lato è sinmbolo di speranza e dallaltro è chiaro invito a rispettare le prescrizioni poiché enorme è il rischio, per noi stessi e gli altri, di contrarre o diffondere il coronavirus.

Sul profilo Facebook ufficiale dellOspedale si legge nella nota stampa - è stata pubblicata una foto volutamente shockante di una paziente appena estubata (volto e nominativo del ricoverato pixellati nel rispetto delle norme vigenti della privacy) insieme ai nostri professionisti impegnati nel reparto di Rianimazione al 3 piano del Monoblocco, per rafforzare in maniera esplicita sottolineano la Direzione assecondata dai componenti la task force interna - il concetto del Rimanete a casa.

Sulla pagina FAceook il messaggio che acocmapgna la foto è un pugno nello stomaco: "volete trovarvi nelle condizioni di questa paziente (appena estubata) No!? E allora statevene a c.a.s.a.?? perchè diversamente lunica corsa che farete sarà verso il reparto di rianimazione".

Quanto ai dati, ad oggi poomeriggio sono 37 i ricoverati in Malattie Infettive, 33 in Rianimazione, 30 al Padiglione 10, 18 al Padiglione 12. Due i decessi riscontrati nel frattempo: di una paziente nata e residente a Genova di 81 anni, deceduta presso il Padiglione 12 alle 04:00 di stamani e di un paziente nato in provincia di Caserta ma residente a Genova di 72 anni, presso la Rianimazione del 3 piano del Monoblocco, deceduto oggi alle 12:00.

A partire da lunedì è stato attrezzato un servizio dellOspedale, dal reparto di Gestione del Rischio Clinico e della Qualità (dott. Orengo), che permetterà a due infermieri specificatamente formati e attrezzati di DPI, di raggiungere le dimore dei professionisti risultati positivi al primo tampone, per una nuova rilevazione, accompagnati da un autista del servizio interno, anchesso munito di DPI. Lobiettivo è di constatare leventuale negatività dei professionisti, nel rispetto dei tempi della patologia, per riaverli nuovamente in servizio in struttura.

Prosegue intanto la solidarietà dei genovesi.
[url=http://]
Cronaca


Genova si mobilita: racconda fondi per l'ospedale San Martino[/url]


E stato incassato dallUnità Operativa Bilancio e dalla Programmazione Finanziaria dellOspedale il primo bonifico, di 134.007,80 derivante dalla raccolta fondi Che linse? promossa da Il Nerviese (Matteo Sacco), che nel frattempo sta proseguendo. I fondi sono stati destinati agli acquisti di: una colonna video fibroscopia completa di 2 fibroscopi per il 2 piano Monoblocco oggi reparto di Rianimazione supplementare per pazienti Covid-19, una centrale di monitoraggio sempre per il 2 piano Monoblocco e una centrale monitoraggio per il reparto di Terapia Intensiva del Monoblocco 4 piano.

Domenica prossima, a partire dalle 10, presso la Chiesa Nostra Signora delle Grazie e S. Caterina allinterno dellOspedale sarà officiata dal cardinale Angelo Bagnasco una messa a porte chiuse, che sarà trasmessa in diretta su Primocanale (canale 10).

In mattinata sono arrivati al San Martino, presso il magazzino centrale, 45 bancali di DPI, provenienti da Pavia e trasportati in loco dalla Protezione Civile (foto in allegato). Non sono presenti mascherine, ma tutti gli altri dispositivi utili nella gestione di pazienti Covid. Sono stati donati da Yf Capital e Yuwell, attraverso Esaote, 500 misuratori di temperatura a infrarossi, consegnati in Ospedale dalla Protezione Civile.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali