Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Follia ultra in autostrada: scontri fra tifosi di Bari e Lecce, furgoni a fuoco e traffico bloccato

FOGGIA - Mattinata di follia lungo l'autostrada A16 all'altezza di Candela, in provincia di Foggia, negli scontri tra le tifoserie calcistiche del Bari e del Lecce. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito in maniera grave, ma i momenti di tensione sono stati davvero forti. Almeno 300 gli ultrà coinvolti nello scontro. Parabrezza infranti per tre auto, due furgoncini dei supporter sono stati dati alle fiamme. Sono intervenuti i vigili del fuoco per domare gli incendi. Le voci di un blitz organizzato da parte del gruppo proveniente da Bari non trova conferma, per il momento, negli ambienti investigativi.
Le due tifoserie si sono incontrate all'altezza dell'area di servizio Ofanto Nord. I tifosi del Lecce erano diretti nella capitale per la partita di serie A con la Roma, mentre quelli del Bari (serie C) procedevano verso Castellamare di Stabia. Prima gli insulti, poi il contatto. Le forze di polizia parlano di tafferugli, ma testimoni raccontano anche spranghe in ferro e bottiglie di vetro. Gli investigatori precisano che non c'è stata alcuna richiesta di intervento agli operatori del 118. Lancio di fumogeni da parte dei poliziotti per riportare la situazione alla normalità. Bloccata la circolazione stradale per un paio d'ore. Le indagini sono coordinate dalla polizia di Stato.
Follia ultra in autostrada: scontri fra tifosi di Bari e Lecce, furgoni a fuoco e traffico bloccato

Le carcasse dei furgoncini dati alle fiamme
Condividi
"Da sindaco, da barese e da tifoso mi vergogno per loro e chiedo scusa a nome della città di Bari", ha commentato il sindaco Antonio Decaro. "In una giornata in cui a Bari si è vissuto un momento di preghiera e di pace in un clima di serenità e accoglienza" per l'arrivo di papa Francesco, "queste notizie fanno ancora più male. Non credo ci siano parole per commentare l'accaduto, se non quelle di condanna assoluta verso azioni così vili e violente che nulla c'entrano con lo sport e i suoi valori. La storia della nostra città e della squadra di calcio non ha niente a che fare con queste persone, che speriamo ricevano una punizione esemplare", conclude Decaro.
Anche il Bari condanna con una nota le violenze. "SSC Bari - è scritto nel documento del club - intende esprimere la più ferma condanna per quanto accaduto quest'oggi. Ogni forma di violenza è da condannare nel modo più assoluto. Sono episodi che non hanno nulla a che vedere con i valori che la Società biancorossa e la città di Bari hanno da sempre promosso e sostenuto". Questi episodi - prosegue la nota del Bari - sono da condannare in maniera netta e categorica. Coloro i quali si sono resi protagonisti di azioni così vili e violente, niente hanno a che fare con la civiltà e la sportività della maggior parte della tifoseria barese. In attesa che le autorità facciano piena luce su quanto effettivamente accaduto, la Società esprime tutta la propria solidarietà all'Us Lecce e ai suoi tifosi, unitamente agli auguri di una pronta e completa guarigione agli eventuali feriti".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930