Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Contagi da coronavirus in Lombardia, la Regione agli abitanti di Codogno e Castiglione d'Adda: "Restate in casa"

"Si invitano tutti i cittadini di Castiglione d'Adda e di Codogno, a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali. Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l'indicazione perentoria è di non recarsi in pronto soccorso ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari a domicilio. E' attiva da ieri sera una task force regionale che sta operando in stretto contatto con il Ministero della Salute e con la Protezione Civile. La maggior parte dei contatti delle persone risultate positive al coronavirus è stata individuata e sottoposta agli accertamenti e alle misure necessarie": è questa la prima comunicazione dell'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, dopo la notizia dei primi tre contagi in Italia da coronavirus. Un 38enne di Castiglione d'Adda, in provincia di Lodi, sua moglie e uno stretto conoscente, oltre a un collega del 38enne con cui l'uomo aveva cenato a fine gennaio e che era appena rientrato dalla Cina. Il 38enne è in gravi condizioni all'ospedale di Codogno, tutti gli altri sono all'ospedale Sacco di Milano, attrezzato come lo Spallanzani di Roma per le bioemergenze.
Coronavirus, ospedale di Codogno: "Hanno tutti la mascherina, non fanno piu entrare"
Contagi da coronavirus in Lombardia, la Regione agli abitanti di Codogno e Castiglione d'Adda: "Restate in casa"

in riproduzione....
Condividi
Le autorità sanitarie stanno provvedendo a fare i tamponi per il test a tutte le persone che potrebbero essere entrate in contatto con i contagiati: dai colleghi del 38enne, che lavora all'Unilever di Casalpusterlengo a familiari, amici, e tutti i medici e gli infermieri dell'ospedale di Codogno dove l'uomo è stato ricoverato mercoledì sera. Si sta valutando cosa fare anche per l'istituto superiore di Codogno, dove insegna la moglie del 38enne, anche se - da quanto si è saputo - era in congedo maternità e da alcune settimane non andava a scuola.
Ingressi sbarrati e personale con le mascherine: l'ospedale di Codogno "isolato" per il coronavirus
Fondamentale ricostruire tutti gli spostamenti delle persone contagiate, visto che il virus - da quanto si sa finora - per essere trasmesso ha bisogno di un contatto non occasione a non più di un metro di distanza. Da quanto è stato ricostruito il 38enne nei giorni precedenti al ricovero è andato a correre e poi al lavoro, ha giocato a pallone e ha preso parte a tre cene.
Coronavirus, primo contagio in Italia: l'ospedale di Codogno visto dal drone
Contagi da coronavirus in Lombardia, la Regione agli abitanti di Codogno e Castiglione d'Adda: "Restate in casa"

in riproduzione....
Condividi
Per adesso l'ospedale di Codogno ha gli accessi sbarrati, e la Regione ha diramato la nota che invita tutti a stare a casa e a non recarsi al pronto soccorso in caso di sintomi influenzali ma di chiamare il 112. L'ordine dei medici di Lodi: "Non abbiamo mascherine sufficienti per visitare i pazienti".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031