Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Coronavirus, contagiato 38enne italiano: ricoverato in gravi condizioni a Codogno. Era stato a cena con un amico tornato dalla Cina

Un 38enne di Codogno, in provincia di Lodi, è risultato positivo al test del coronavirus, sono in corso le controanalisi a cura dell'Istituto superiore di Sanità. L'uomo - sposato e senza figli - è ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Codogno in prognosi riservata, con insufficienza respiratoria e le sue condizioni sono ritenute molto gravi. Si sta cercando di ricostruire come abbia contratto il virus: da quanto si sa il 38enne sarebbe andato a cena con un amico che tornava dalla Cina a fine gennaio, ma non è detto che sia stato quello il momento del contagio, visto che i giorni trascorsi da quel momento sarebbero più di quelli finora considerati il periodo di incubazione del virus. L'amico è stato individuato e sono stati fatti su di lui i primi test, ma si attendono i risultati. La moglie del 38enne è stata già messa in quarantena. A comunicare la notizia, durante la notte, l'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera, che ha convocato una conferenza stampa a Palazzo Lombardia alle 12,30 per fare il punto della situazione. Da questa notte le autorità sanitarie e della Regione sono riunite per capire come muoversi.

rep


[url=http://]
Approfondimento


Il capitano impavido che resta sulla nave del coronavirus. “Altro che Schettino”[/url]


di DARIO DEL PORTO
Il 38enne, che lavora all'Unilever di Casalpusterlengo e vive vicino Codogno, si è presentato in ospedale ieri, giovedì. Ricostruendo i suoi spostamenti è passato dal Pronto soccorso al reparto di Medicina fino alla Terapia intensiva. Adesso si stanno avviando le procedure per la quarantena per i suoi familiari e con tutti i medici e gli infermieri che sono entrati a contatto con lui: si tratta di una 70ina di persone. Gli accessi al Pronto soccorso e le attività programmate dell'ospedale sono stati, a livello cautelativo, attualmente interrotti. Le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie. L'amico con cui è stato a cena è un manager di una società di Fiorenzuola d'Adda che lavora in Cina e lì trascorre quasi tutto l'anno.
[url=http://]
Cronaca


Coronavirus, finita la quarantena: 19 italiani usciti dalla Cecchignola[/url]


di CORRADO ZUNINO
Le autorità sanitarie stanno cercando il modo di trasportarlo all'ospedale Sacco di Milano - individuato con lo Spallanzani di Roma come quello adatto a trattare i casi di bioemergenze - con un'ambulanza ad alto biocontenimento come quella utilizzata per il ragazzo di 17 anni tornato dalla Cina ma risultato negativo al Coronavirus. Intanto una equipe del Sacco è già andata all'ospedale di Codogno. Nella ricostruzione dei contatti dell'uomo è importante ricordare che la quarantena viene considerata necessaria per chi ha avuto il "primo contatto", cioè chi è stato fino a un metro di distanza per un periodo non occasionale con la persona contagiata.
Fino a ieri i casi negativi in Lombardia erano stati 101. Dei 50 ragazzini in quarantena volontaria da scuola poiché tornati dalla Cina per le feste del Capodanno cinese, già una decina sono rientrati in classe poiché senza sintomi dopo aver completato i 14 giorni di isolamento volontario.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Январь 2021    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031