Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

I genitori di Giulio Regeni: "L'Europa si mobiliti per salvare Patrick Zaky"

BOLOGNA - "Auspichiamo che ci sia per Patrick una reale, efficace e costante mobilitazione affinché questo giovane possa essere liberato senza indugi. Chiediamo alle istituzioni italiane ed europee di porre immediatamente in essere tutte quelle azioni concrete che non sono mai state esercitate per salvare la vita di Giulio o per pretendere verità sul suo omicidio". Lo affermano in una nota Paola Deffendi e Claudio Regeni, genitori di Giulio Regeni, ucciso in Egitto nel 2016, e l'avvocato di famiglia Alessandra Ballerini, commentando l'arresto al Cairo dello studente egiziano Patrick George Zaky, frequentante un master all'Università di Bologna.
I genitori di Giulio sono "empaticamente vicini ai familiari e agli amici di Patrick George Zaky dei quali comprendiamo l'angoscia e il dolore. Noi sappiamo di cosa è capace la paranoica ferocia egiziana: sparizioni forzate, arresti arbitrari, torture, confessioni inverosimili estorte con la violenza, depistaggi, minacce. Il tutto con la complicità ipocrita di governi e istituzioni che non voglio rompere l'amicizia con questo paese", denunciano.
"Stavolta andra tutto bene": Giulio Regeni abbraccia Patrick Zaky nell'opera della street artist Laika
"Se si vuole veramente salvare la vita di questo ragazzo occorre che i Paesi che si professano democratici abbiano la forza e la dignità di dichiarare l'Egitto Paese non sicuro e richiamare immediatamente i propri ambasciatori. Il resto sono solo prese in giro. Patrick, come Giulio, merita onestà e determinazione, non chiacchiere imbarazzanti e oltraggiose", insistono i genitori di Giulio.

Il legale: "Ecco perché rischia l'ergastolo"


Uno dei legali che difende Zaky fa sapere che lo studente 27enne dell'Università di Bologna "non è accusato di terrorismo", come si credeva finora, "ma di un'accusa peggiore: 'rovesciamento del regime al potere', per la quale la pena, secondo la legge, è il carcere a vita", spiega Wael Ghaly. La custodia cautelare "può durare fino a due anni, rinnovata ogni 15 giorni, e talvolta tale detenzione può protrarsi per più di due anni", ricorda il legale.

rep


[url=http://]
Approfondimento


A casa di Patrick Zaky: "Lo hanno torturato per sapere dei Regeni", La famiglia: "Ridatecelo"[/url]


dalla nostra inviata FRANCESCA CAFERRI



Sassoli: "Sia subito liberato"


Chiede l'immediata liberazione di Patrick anche David Sassoli, presidente dell'Europarlamento. "Secondo Amnesty International, Zaky è stato interrogato, picchiato e torturato per 17 ore, ora - ricorda - è in stato di fermo da parte delle autorità egiziane. Voglio ricordare alle autorita' egiziane che l'Ue condiziona i suoi rapporti con i Paesi terzi al rispetto dei diritti umani e civili, come ribadiamo in tutte le nostre risoluzioni. Chiedo che Patrick Zaky venga immediatamente rilasciato e restituito agli affetti dei suoi cari e ai suoi studi".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031