Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Potenza: messaggi di solidarieta a Giulia, la trentenne picchiata perche lesbica

"Omofobia, c'è solo una parola e una motivazione che ha potuto scatenare tanta violenza contro Giulia, si tratta di odio omofobico. È necessario dirlo, ammetterlo, perché solo chiamando le cose con il loro nome ci permette di riconoscerle e combattere". Così l'associazione Agedo Potenza (genitori, parenti e amici di persone LGBT +) esprime la sua solidarietà a Giulia Ventura, la trentenne picchiata brutalmente a Potenza la sera di mercoledì 15 gennaio da due ragazzini perché lesbica. Si tratta di uno dei tanti commenti che si rincorrono sui social, dove la vittima ha raccontato la terribile vicenda postando le foto del volto tumefatto e del referto medico dell'ospedale.
Morena Rapolla, presidente di Arcigay Basilicata, chiede "con urgenza una legge regionale contro l'omotransfobia, perché fenomeni come questi fanno male a tutti i cittadini e le cittadine per bene, e la mia città ne è piena. Mi aspetto una condanna unanime da parte di tutti, istituzioni comprese.Se ricorriamo alla violenza - dice - perdiamo tutti".
Il sindaco leghista del capoluogo lucano, Mario Guarente, esprime parole di solidarietà dal suo profilo Facebook: "Provo tanta rabbia per questo vile gesto che si è consumato nella mia città ai danni di una povera ragazza: che questi imbecilli vengano subito arrestati e fatti marcire nel ghetto della loro ignoranza!

Siamo dalla tua parte, Giulia!".
Ancora, parole di condanna verso l'atto di violenza da parte dell'assessore comunale all'Ambiente Alessandro Galella e alle Pari opportunità Marica Lapadula, da alcuni consiglieri comunali d'opposizione, dalla Consigliera regionale Pari opportunità Ivana Pipponzi e dal presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, che definisce l’episodio "gravissimo ed estraneo alla cultura della comunità lucana, improntata da sempre al rispetto della persona”. Bardi, nel dare la sua solidarietà a Giulia, ritiene che “episodi di questo genere vadano stigmatizzati e condannati senza esitazione. Auspico che gli autori siano perseguiti in maniera durissima - conclude - perché simili fatti di violenza e di intolleranza sono del tutto inconcepibili”.
Anche il Potenza Calcio si schiera con Giulia. Il Comune di Tito, a pochi chilometri da Potenza, ha inviato una nota ufficiale per esprimere il proprio "sdegno" per quanto accaduto. Ma sono soprattutto i cittadini comuni a scrivere in tanti alla giovane donna,qualcuno ringraziandola per il "coraggioso gesto di denuncia".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Февраль 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829