Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Lanzo, truffa e fatture false per lavori mai fatti nell'albergo di Balme che ospito D'Annunzio e la Duse

Lanzo, truffa e fatture false per lavori mai fatti nell'albergo di Balme che ospito D'Annunzio e la Duse
L'incendio di giugno all'albergo Camussot
Truffa e fatture false per la ristrutturazione dell’albergo Camussot di Balme, nel Torinese, lo storico hotel che ospitò Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio e che lo scorso giugno fu interessato da un incendio forse doloso. Quattro le persone denunciate dalla guardia di finanza per dei lavori mai fatti ma per cui i proprprietari hanno ottenuto 160mla euro di contributi regionali.
Il sospetto è nato per i rapporti economici anomali. I finanzieri avevano notato atipicità negli affari tra un imprenditore delle Valli di Lanzo e chi gestiva l'hotel. Sotto la lente transazioni economiche, accrediti e addebiti tra la titolare dello storico albergo e una società di costruzioni torinesi, amministrata dal marito della proprietaria: stando alle indagini dei baschi verdi della tenenza di Lanzo Torinese però questi rapporti servivano solo ad avere diritto a contributi pubblici.
Il copione ricostruito era questo: l’amministratore della società di costruzione faceva transitare le somme sul conto della moglie che le usava come fatture per l’imprenditore così da accedere al contributo. Si parla di 500mila euro preventivati di cui 160mila regionali.
Coinvolta anche una società cooperativa di Ala di Stura che aveva rapporti con la ditta di costruzione: subappaltava alla cooperativa di cui era socio i lavori del cantiere, di domolizione e ricostruzione di opere nell’albergo di più di 175mila euro.
Le indagini del gruppo azione locale Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, attraverso cui la regione ha dato il contributo, ha mostrato che gli interventi sarebbero dovuti finire nel 2015, e quindi già finiti, nonostante la cooperativa non avesse mezzi e attrezzatura. L'imprenditore, la titolare e il marito amministratore della società dovranno rispondere a vario titolo di truffa aggravata per i contributi pubblici. L’amministratore anche di emissioni di fatture per operazioni inesistenti, occultamento e distruzione di documenti contabili. È stato denunciato il legale rappresentante della cooperativa
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Февраль 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829