Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Maltempo, l'Emilia-Romagna richiede lo stato di emergenza nazionale. "Almeno 202 milioni di danni"

BOLOGNA - La Regione Emilia-Romagna ha inviato al governo e alla Protezione civile la richiesta di stato di emergenza nazionale per il maltempo di questi giorni. I danni al patrimonio pubblico sono stimati in 202 milioni di euro,di cui 45 milioni per le attività di soccorso e assistenza alla popolazione, per l'esecuzione degli interventi di massima urgenza e di quelli maggiormente necessari, oltre alle opere di riduzione del rischio e di messa in sicurezza.
La prima stima dei danni indicata nella richiesta sarà affinata nei prossimi giorni perché l'emergenza non è conclusa. "Anche questa volta abbiamo voluto essere vicini alle persone e alle comunità colpite - osserva in una nota il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - affrontando l'emergenza e riducendo per quanto più possibile i disagi a cittadini e imprese. La conta dei danni svolta in tempi rapidissimi ci permette già di inviare la richiesta di stato di emergenza e quindi di avviare le procedure che dovranno portare al risarcimento di tutti i danni, pubblici e privati, di cittadini, aziende e attività economiche. Chiedo quindi al Governo altrettanta rapidità, per una risposta dovuta a chiunque sia stato colpito".
Preoccupazione per il Po. La piena del fiume Po sta passando nel territorio piacentino, dove oggi c'è allerta rossa ed è confermata anche per la giornata di domani. Questa mattina il livello supera la soglia 3, quella massima - informa Emilia Romagna Meteo - con un livello di 7 metri e 34 centimetri.
E' atteso in serata il colmo della piena in Emilia. "Stiamo monitorando il passaggio della piena, seguendo i bollettini. Ci attendiamo una piena molto importante, è stimata con una quota di otto metri", spiega l'assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo, dicendo di essere "fiduciosa" per la situazione nelle prossime ore, cioè che la piena venga contenuta negli argini. "Sono attivati i monitoraggi in tutti i tratti, tra Piacenza e Parma", prosegue Gazzolo. Al momento in regione si registrano "criticità diffuse", in particolare diverse frane in Appennino causate dal maltempo e tutte sono seguite dalla protezione civile regionale.
La situazione nel Piacentino. "Si prevede il superamento della soglia 3 di criticità alla sezione di Piacenza", ha spiegato l'Aipo, al termine di un incontro in prefettura a Piacenza. A Castelsangiovanni il sindaco ha firmato ieri sera un'ordinanza urgente di evacuazione della popolazione e la chiusura di ogni attività economica, commerciale e produttiva di tutte le abitazioni e complessi agricoli presenti lungo la strada di Ponte Vecchio e località Coppalara, mentre l'ufficio di Protezione Civile del Comune di Piacenza ha diramato un appello alla cittadinanza raccomandando di non avvicinarsi al fiume Po e ai corsi d'acqua Trebbia e Nure. Intanto, nelle zone montane, restano alcuni punti critici dovuti a frane e smottamenti: una frana tra le località Folli e Casalcò (comune di Ferriere) interrompe la provinciale 654. A Ravazzoli di Morfasso ha ceduto la strada, e anche la provinciale di Bobbiano è impraticabile.
Evacuazioni a Ferrara. A Ferrara Alan Fabbri ha emesso un'ordinanza per l'evacuazione dei residenti e la sospensione delle attività produttive e ricreative presenti nelle aree golenali del Po, a partire dalle 15 di domani, martedì 26 novembre. Il centro operativo dell'associazione Intercomunale Terre Estensi (Comuni di Ferrara, Masi Torello e Voghiera) sta provvedendo alla notifica del provvedimenti agli interessati e "a trovare una sistemazione alternativa a chi ne avesse bisogno".
Allerta rossa. L'Agenzia regionale di protezione civile e Arpae Emilia Romagna hanno esteso sino alla mezzanotte di oggi, lunedì 25 novembre, l'allerta meteo per le piene dei fiumi per le province di Piacenza e Parma; è allerta arancione per le piene dei fiumi per le province di Reggio, Modena, Bologna, Ferrara e Ravenna e per mareggiate per la provincia di Ferrara; nel territorio del comune di Ravenna per criticità idraulica e costiera l’allerta è gialla.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031