Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Torino, arrestati sei agenti della penitenziaria: sono accusati di torture ai detenuti

TORINO - Sono accusati di ripetuti atti di violenza e tortura nei confronti dei detenuti i sei agenti della polizia penitenziaria in servizio al carcere Lorusso e Cutugno di Torino che sono stati arrestati stamattina e ora sono ai domiciliari. Lordinanza di custodia cautelare è stata eseguita dagli stessi colleghi del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria.
Le indagini sono state condotte dal pm Francesco Saverio Pelosi, che ha ricostruito una serie di episodi di violenza tra aprile 2017 e novembre 2018. A far scattare linchiesta è stata una segnalazione di Monica Gallo, garante dei detenuti del Comune di Torino, che era venuta a conoscenza di uno di quegli episodi in occasione di un colloquio in carcere.
Il reato contestato alle sei guardie è il 613 bis che punisce con la reclusione da 4 a 10 anni chiunque, con violenze o minacce gravi ovvero agendo con crudeltà cagiona acute sofferenze fisiche o un verificabile trauma psichico a persona privata della libertà personale.
Lattività dindagine, che riguarda non solo le persone oggi sottoposte a misura cautelare, ma anche altri indagati a piede libero, è ancora in corso per accertare eventuali responsabilità penali di altri soggetti e scoprire eventuali altri episodi analoghi, oltre a quelli finora denunciati. E per questo, essendoci il rischio di inquinamento delle prove, sono state applicate le misure cautelari.
La ricostruzione dei fatti contestati agli agenti narra una lunga serie di episodi. Si racconta di detenuti presi a schiaffi e sputi, malmenati, denudati e insultati. Impiccati, avevano detto a uno. E poi minacce: Sarà dura stare qui per te. E veniva intimato anche di non rivolgersi in infermeria o di raccontare comunque unaltra versione dei fatti. A un detenuto avevano tolto il materasso e per giorni era stato anche costretto a dormire sulla rete di metallo.
In particolare gli agenti si erano accaniti su alcuni detenuti. Uno che era stato costretto, mentre gli consegnavano una lettera della fidanzata, a ripetere Sono un pezzo di merda. E aveva dovuto farlo anche mentre lo umiliavano facendolo restare in corridoio fermo con la faccia contro il muro. Lo avevano sottoposto a perquisizioni continue anche nella cella, che sistematicamente gli mettevano a soqquadro.
Questi arresti, sulla base delle dichiarazioni di qualche detenuto - attacca il segretario generale dellOsapp, Leo Beneduci - dimostrano il grave stato di disorganizzazione e lassenza di qualsiasi capacità gestionale da parte degli attuali organi centrali dellamministrazione penitenziaria, che non è in grado di prendere atto dello stato di abbandono e delle continue frustrazioni, offese e aggressioni subite ogni giorno dalle donne e dagli uomini della polizia penitenziaria.

Non possiamo negare daltra parte il timore rispetto al richiamato reato di tortura, di recente introduzione, di un effetto a catena che investa ogni criticità riguardo alle condizioni della popolazione detenuta italiana a differenza del persistente disinteresse per leffettiva vivibilità lavorativa delle carceri per il personale di polizia penitenziaria.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2019    »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930