Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Trapani, arrestato amministratore giudiziario. “Si e appropriato di soldi sequestrati ai boss”

Maurizio Lipani è considerato uno dei più validi amministratori giudiziari di beni sequestrati e confiscati ai boss, ma stamattina gli investigatori della Dia di Trapani gli hanno notificato un’ordinanza che lo manda agli arresti domiciliari, con una contestazione pesante mossa dalla procura diretta da Francesco Lo Voi. Il commercialista palermitano è accusato di essersi intascato soldi provenienti da due aziende ittiche sequestrate al boss trapanese Mariano Agate, uno dei fedelissimi di Totò Riina. Circa 355 mila euro. Due le ipotesi di reato contestate dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Alessia Sinatra, Gianluca De Leo e Francesca Dessì: peculato e autoriciclaggio. E in carcere sono finiti anche il figlio del capomafia deceduto nel 2013, Epifanio Agate e la moglie Rachele Francaviglia, avrebbero continuato a gestire parte del patrimonio, costituito da alcuni immobili e società.
Trapani, arrestato amministratore giudiziario. “Si e appropriato di soldi sequestrati ai boss”

Il commercialista Maurizio Lipani
Condividi
Insomma, l’ennesimo pasticcio attorno ai beni sequestrati e confiscati. I primi, sotto la gestione delle sezioni Misure di prevenzione dei tribunali. Gli altri, dell’Agenzia beni confiscati. Sono gli organismi che dovrebbero vigilare sull’operato degli amministratori giudiziari nominati. Dopo lo scandalo Saguto, che ha portato alla radiazione dalla magistratura della giudice palermitana, nomine e procedure sembravano passate attraverso criteri più rigidi. Ma le indagini del sezione Dia di Trapani, guidata dal tenente colonnello Rocco Lopane, hanno svelato un giro di soldi che non doveva affatto esserci. Probabilmente, è il sospetto di chi indaga, non solo attorno al patrimonio sequestrato agli Agate, ma anche in altre amministrazioni giudiziarie che Lipari gestiva a Palermo e a Reggio Calabria.
Intanto, il gip ha disposto nei confronti del professionista un sequestro di beni per 350 mila euro, l'equivalente di quanto sottratto alle casse dello Stato.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Ноябрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930