Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Arrestato l'ex giudice Bellomo: maltrattava studentesse imponendo il look e calunnio il premier Conte

Non solo i maltrattamenti e le estorsioni nei confronti di quattro giovani borsiste della scuola di formazione giuridica "Diritto e scienza" di Bari a cui imponenva anche il dress code, ma anche la calunnia e la minaccia bei confronti del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Finisce agli arresti domiciliari Francesco Bellomo, 49enne barese, consigliere di Stato destituito dopo che nel 2017 scoppiò lo scandalo della scuola di preparazione per il concorso in magistratura
La scintilla parti da Piacenza, con la denuncia di una studentessa, e si estese presto anche a Bari, città d'origine di Bellomo e dove è presente una sede di "Diritto e scienza", tuttora in funzione.
L'arresto giunge al termine di un'indagine coordinata dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal pm Daniela Chimienti, con l'ordinanza firmata dalla gip Antonella Cafagna. Quattro le studentesse individuate come parti offese, per i reati di maltrattamenti e estorsione, alcune delle quali legate a Bellomo da relazioni sentimentali. Nell'inchiesta barese si inserisce poi il nuovo filone, che vede come vittime il presidente del Consiglio Conte, in passato vicepresidente del Consiglio della presidenza della giustizia amministrativa, organo chiamato ad esercitare l'azione disciplinare nei confronti di Bellomo, dopo che erano emersi i primi illeciti a suo carico.
Il premier (all'epoca non in carica) fu trascinato davanti al Tribunale civile di Bari, insieme alla collega Concetta Plantamura, componente dello stesso organismo. Bellomo paventò che avessero commesso illeciti nella trattazione del giudizio a suo carico e poi fece notificare loro un atto di citazione per danni. Secondo la procura di Bari, tale atto fu un'implicita minaccia, finalizzata a prospettare all'intero Consiglio il possibile esercizio di azioni civili nei confronti di Conte e Plantamura.
Il gip Cafagna parla di "indole dell'indagato in seno al rapporto interpersonale in termini di elevata attitudine alla manipolazione psicologica mediante condotte di persuasione e svilimento della personalità della partner nonché dirette ad ottenerne il pieno asservimento se non a soggiogarla, privandola di qualunque autonomia nelle scelte, subordinate al suo consenso". Nell'ordinanza il giudice analizza quello che definisce "sistema Bellomo", nel quale "l'istituzione del servizio di borse di studio non era altro che un espediente per realizzare un vero e proprio adescamento delle ragazze da rendere vittime del proprio peculiare sistema di sopraffazione, fondato sulla concezione dell'agente superiore e sui corollari di fedeltà, priorità e gerarchia".
Le borsiste della scuola di formazione dell'ex giudice Bellomo, dovevano "attenersi ad un dress code suddiviso in "classico" per gli "eventi burocratici", "intermedio" per "corsi e convegni" ed "estremo" per "eventi mondani" e dovevano "curare la propria immagine anche dal punto di vista dinamico (gesti, conversazione, movimenti), onde assicurare il più possibile l'armonia, l'eleganza e la superiore trasgressività' al fine di pubblicizzare l'immagine della scuola e della società". Sono alcuni passaggi del contratto imposto alle borsiste e riportati nell'ordinanza di arresto. L'abbigliamento definito "estremo" ad esempio prevedeva "gonna molto corta (1/3 della lunghezza tra giro vita e ginocchio), sia stretta che morbida + maglioncino o maglina, oppure vestito di analoga lunghezza".
Ad alcune borsiste, si legge sempre nell'ordinanza di custodia cautelare era imposto "il divieto di contrarre matrimonio a pena di decadenza automatica dalla borsa". Alle ragazze era imposto un contratto che "imponeva una serie di obblighi e di divieti", come la "fedeltà nei confronti del direttore scientifico" e "l'obbligo di segretezza sul contenuto delle comunicazioni intercorse".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031