Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Lecce, genitori protestano per la bocciatura dei figli in terza media: la preside chiama i carabinieri

LECCE - Sei alunni dell'istituto comprensivo di via Minniti a Supersano (Lecce) non sono stati ammessi all'esame di terza media e a scuola è scoppiato il finimondo, con la dirigente scolastica costretta a chiamare i carabinieri per sedare le ire dei genitori, secondo i quali il rendimento scolastico dei propri figli non era tale da poter pensare a una bocciatura.
La dirigente, Caterina Rosaria Scarascia, sarebbe stata aggredita verbalmente dai genitori, rifugiandosi nel proprio ufficio. I genitori l'accusano di non essere stati mai messi al corrente del rischio bocciatura, arrivata all'improvviso come un fulmine a ciel sereno. Stessa sorte è toccata a un alunno di prima, anche lui bocciato.
La dirigente ha sporto formalmente denuncia per interruzione di pubblico servizio. "Sono stata aggredita verbalmente per aver fatto il mio dovere. La vera dispersione scolastica è promuovere senza competenze", ha commentato al telefono, sostenendo invece che i genitori sarebbero stati messi al corrente del cattivo andamento scolastico dei figli già nel primo quadrimestre. La donna era già stata al centro del mirino nel maggio 2017 per aver sostituto con un giudizio il voto in condotta in decimali.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031