Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Bologna, trovata in autostrada Jo diventa campionessa italiana di Agility dog

Bologna, trovata in autostrada Jo diventa campionessa italiana di Agility dog

BOLOGNA - Lhanno chiamata Jo, in onore della dottoressa di Greys Anatomy. È stata una casualità, giurano ora, ma la scelta non poteva essere più azzeccata, visto che la sua storia ricorda da vicino quella della giovane specializzanda al Grey-Sloan Memorial Hospital. Come il personaggio interpretato da Camilla Luddington, infatti, ha vissuto un abbandono traumatico.
E, al pari della Jo del piccolo schermo, è riuscita a lasciarsi alle spalle un passato difficile grazie allaffetto di chi si è letteralmente innamorato di lei. Forte delle cure di chi lha adottata e a tanto allenamento, infatti, sta superando paure e traumi. Non solo: è diventata pure una piccola campionessa. A tal punto che ad agosto Jo volerà a Valencia per rappresentare lItalia nel campionato mondiale di Agility dog Imca-Pawc, una delle competizioni più importante a livello globale di questo sport cinofilo
Già, perché Jo è un cane, anzi una cagnolina. Tre anni compiuti da poco, ha i tratti simili ad un Border Collie, ma è molto più piccola. Insomma, è una meticcia. La sua storia è stata raccontata oggi dal Resto del Carlino, ma del suo passato si sa poco e nulla.
Lunico punto fermo risale al 28 dicembre 2015: Jo, che allepoca aveva soltanto pochi mesi, stava vagando per la corsia di emergenza dellautostrada, immersa nella nebbia dellinverno padano in compagnia di un altro cane, quando allimprovviso unauto si ferma. Stavo tornando da Padova, dove studio psicologia, e ho visto questa sagoma nella nebbia racconta a Repubblica Alice Bonetti, 26enne bolognese ho deciso di accostare, anche un po inconsciamente visto che auto e camion sfrecciavano. Il cane adulto è subito scappato, mentre Jo era letteralmente terrorizzata. Quando lho presa tra le braccia mi ha fatto subito una bella pipì addosso.
Bologna, trovata in autostrada Jo diventa campionessa italiana di Agility dog

Condividi
Ho chiamato il mio ragazzo, Luca, e lho portata a casa. Insieme abbiamo fatto tutte le denunce del caso, ma dopo 60 giorni nessuno si è fatto vivo e così abbiamo deciso di tenerla. Del resto, Alice e Luca per i cani hanno una vera e propria passione. Avevano già adottato Isy, un altro meticcio, e da poco è arrivata anche Arizona, una Border Collie di razza. Sciolte le riserve, anche Jo è entrata a far parte della famiglia.
Non che sia stato tutto facile, va detto. Jo spiega la ragazza ha tanti problemi, lei soffre di crisi di separazione e fa fatica a stare da sola, soprattutto in posti che non conosce. Ma ora è molto migliorata, soprattutto grazie allallenamento.
Alice, infatti, praticava già da tempo Agility Dog. È uno sport ispirato al salto a ostacoli dei cavalli, ovviamente con percorsi dimensionati alla taglia del cane spiega Samantha Marocchi, istruttrice al Centro cinofilo Felicia a Mercatale e soprattutto è unattività che il cane fa perché ha piacere di farlo, e non perché è costretto. Con Jo è stata molto utile: allinizio era una cagnolina timida e paurosa, ora si fida totalmente dei suoi proprietari ed è riuscita ad andare oltre ai traumi. Io andavo già con Isy prosegue Alice ho iniziato perché era una pigrona e volevo farle fare un po di allenamento. Mentre Jo si vedeva subito che era portata: correva veloce, e non riuscivo a starle dietro. Ed è proprio a quel punto che è subentrato Luca.
Io ho fatto calcio, e sono sempre stato abbastanza atletico racconta il 26enne, tecnico presso una software house del bolognese e così ho provato, un po per gioco e un po per caso. Abbiamo iniziato a partecipare alle gare, e subito Jo è apparsa competitiva. Questanno abbiamo partecipato alle gare di selezione, e siamo arrivati terzi nella nostra categoria. E così siamo entrati di diritto nella nazionale italiana.
Dal 22 al 25 agosto, infatti, Luca, Alice e Jo voleranno a Valencia per partecipare al mondiale Agility dog Imca-Pawc. Una competizione molto bella, che dedica una categoria anche a ragazzi diversamente abili e ai loro cani.
Un bel traguardo, certo. Ma la soddisfazione più grande, forse, sta tutta nelle parole di Luca: Si creato un rapporto speciale, nato al di fuori dello sport ma consolidatosi con lAgility. Cè grande complicità, lei è una cagnolina dolcissima. Io lavoro tutti il giorno, ma quando torno la sera Jo non si schioda da me. Se ci sono io è tranquilla, proprio ieri sera a tavola si è addormentata dopo che sono arrivato. Quello che ci lega è un amore infinito.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2019    »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031