Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Viminale: s? alla cittadinanza a Ramy, il ragazzino-eroe

Il Viminale ha detto sì alla richiesta di cittadinanza avanzata dal padre di Ramy per il figlio, il tredicenne di origini egiziane che ieri a bordo del bus dirottato ha nascosto il cellulare al sequestratore ed è riuscito a dare l'allarme al 112. . "Pronti a farsi carico delle spese e a velocizzare al massimo le procedure per riconoscere la cittadinanza al piccolo eroe". L'auspicio, riferiscono fonti del ministero, è attribuire la cittadinanza a Ramy e toglierla al conducente del bus autore del folle gesto, del bus dirottato.
Milano, bus incendiato. Le telefonate degli studenti: "Mamma, ci stanno uccidendo"
Viminale: s? alla cittadinanza a Ramy, il ragazzino-eroe

in riproduzione....
Condividi
Una richiesta di cittadinanza italiana per "meriti speciali" a Ramy è stata proposta anche dal vicepremier Luigi Di Maio con un post su Facebook. "Ha messo a rischio la propria vita per salvare quella dei suoi compagni. E' la cittadinanza per meriti speciali che si può conferire quando ricorre un eccezionale interesse dello Stato. Sentirò personalmente il presidente del Consiglio in questo senso", sottolinea Di Maio. Che aggiunge: "Questo è un Paese che deve saper guardare oltre. E' un Paese che non può fermarsi all'indignazione. Siamo molto di più della semplice indignazione. Credo sia un dovere togliere immediatamente la cittadinanza a quel criminale che ieri, a San Donato Milanese, stava per compiere una strage di 51 bambini. Per fortuna l'intervento dei Carabinieri ha fatto in modo che nessuno restasse ferito gravemente. Oltre ai nostri due eroi in uniforme ce n'è però anche un altro di eroe: ha 13 anni, si chiama Ramy, ha origini egiziane: è anche grazie a lui che si è evitato il peggio. Il papà oggi ha lanciato un appello, ha chiesto che gli venga riconosciuta la cittadinanza e credo che il governo debba raccogliere questa richiesta."
Il riferimento di Di Maio è, appunto, alle parole di Khalid Shelata, il padre di Ramy: "Mio figlio ha fatto il suo dovere, sarebbe bello se ora ottenesse la cittadinanza italiana". Spiega Shehata: "Siamo egiziani, sono arrivato in Italia nel 2001, mio figlio è nato qui nel 2005 ma siamo ancora in attesa di un documento ufficiale. Vorremmo tanto restare in questo Paese. Quando ieri l'ho incontrato l'ho abbracciato forte".
"Salvini e Di Maio che da anni gettano fango sullo Ius Soli sui social e in Parlamento dovrebbero vergognarsi mentre si dicono favorevoli, per una volta giustamente, alla cittadinanza italiana per il piccolo Ramy, il bambino eroe della tentata strage sul bus: un bambino nato in Italia nel 2005 e da oltre 13 anni nel nostro Paese deve essere un eroe per avere finalmente la cittadinanza? Perché non avrebbe dovuto già averla?". Lo dichiara il deputato del Partito democratico Carmelo Miceli
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031