Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Milano, messa alla gogna da Salvini: "Dovrebbe tenere alla sicurezza e invece scatena gli odiatori contro una donna"

Le era già capitato di essere messa alla gogna da Matteo Salvini per un cartello a una manifestazione. Per questo Giulia Pacilli, 22 anni, studente e attrice di teatro, non si spaventa neanche questa volta, dopo che il ministro degli Interni ha messo sul suo profilo Twitter un'altra sua immagine scattata sabato scorso, durante la marcia dei 250mila a Milano, mentre era sul camion de I Sentinelli con un poster dove con ironia ricordava gli insulti che le erano piovuti addosso.
Giulia, perché ha scritto "Meglio buonista e puttana, che fascista e salviniana"?

"Perché non ho cambiato idea dopo l'aggressione mediatica che ho subito a causa del post con cui il leader della Lega mi ha preso di mira. Mi hanno dato della puttana in tute le salse, augurandomi violenze sessuali, malattie e morte. Ma per me il peggio sarebbe essere una persona che segue le idee razziste di Salvini e dei suoi seguaci".
Ma non ha paura?

"Io sono giovane e ho dei valori profondi, delle idee politiche a cui non ho intenzione di rinunciare per le minacce e per gli insulti. Certo, la cosa che mi preoccupa è vedere che una persona che ha un ruolo istituzionale, che dovrebbe tutelare la sicurezza dei cittadini, invece usi il suo potere per mettere a rischio la sicurezza di una giovane donna, una studentessa che viene indicata agli odiatori del web, messa alla berlina. Per la seconda volta di seguito".
Lei crede che il ministro lo abbia fatto di proposito?

"Non può essergli sfuggito che io ero la stessa ragazza che lui aveva già messo alla gogna una volta, circa un anno fa, dopo i fatti di Macerata con la sparatoria contro i migranti. E' grave che un ministro della Repubblica faccia un gesto del genere".
Che cosa direbbe a Salvini?

"Che io vado avanti: non ho paura".
Ma non pensa di aver sbagliato a salire sul quel camion con quel cartello e quelle frasi forti?

"Io a quella manifestazione ci sono andata per difendere le mie idee e i miei valori: credo nella solidarietà e sono contro le discriminazioni. Ho deciso coscientemente di fare quel cartello per mandare messaggio molto chiaro a tutti quelli che si erano divertiti a mettermi alla gogna mediatica, mostrando che non ho paura e che preferisco così che stare dall'altra parte".
Si aspettava tutto quello che sta succedendo? I 25mila messaggi di insulti e minacce ricevuti nelle prime ore dopo la pubblicazione della sua fotografia sulla pagina di Salvini?

"Mentre la prima volta non me l'aspettavo per nulla, anche perché cartello era ironico - "Immigrati non lasciateci soli con i fascisti" - quest'anno mi sono accorta che mi hanno fotografato in tanti. I Sentinelli mi hanno fatto salire sul loro camion. Ecco, non mi aspettavo che Salvini trovasse tempo di condividere, con tutto quello che io penso un ministro abbia da fare. E invece".
Che succede in queste ore?

"Mi dicono che sulla pagina di Salvini ci siano migliaia di commenti a sfondo sessuale. Io non ho nemmeno voglia di leggerli ma so che sotto quel post, si stanno divertendo a insultarmi. E siccome sono una donna, i messaggi sono legati alla mia vita sessuale e al mio aspetto estetico".
Che farà?

"Aspetterò. L'altra volta sono andati avanti per un mesetto. Io mi sono salvata con privacy di Facebook, li ho bloccati tutti, ho smesso di portare gli occhiali in pubblico per non essere riconoscibile. Mi ero anche mossa per vie legali contro chi mi scriveva insulti privatamente. In questo caso, invece, non so se ho voglia di leggere tutti questi commenti negativi, per difendermi legalmente. Forse, mi occuperò dei giornali che mi mettono alla berlina".
Come si sente?

"Sono commossa dalle centinaia di messaggi di solidarietà e affetto che mi stanno arrivando in questo brutto momento. Non mi sento sola, sono solo un po' allibita: mi chiedo perché tanto odio becero, per niente costruttivo. Mi domando perché c'è gente che mi augura di morire senza nemmeno sapere chi sono".
E' spaventata?

"Non proprio, però tutto questo mi fa un po' orrore, il ministro dovrebbe occuparsi della sicurezza dei cittadini e invece mette alla gogna una ragazza sapendo benissimo che cosa succede quando lui fa questi post. E che cosa scatena la sua mossa".
E i suoi genitori?

"Sono preoccupati per me, anche se contenti che ci sia solidarietà. Non mi dicono di non andare in altre manifestazioni, perché sanno che io tengo alle mie idee, che poi sono ispirate ai valori che loro stessi mi hanno insegnato".
Continuerà a fare politica?

"Certo, tutta la mia vita sociale è politica, non mi chiudo in casa. Siamo parte di una comunità, tutta la vita, tutte le cose che facciamo ogni giorno è politica. Io sono una giovane donna che si definisce antirazzista, mi indigno quando tutto quello che viene definito 'diverso' viene messo alla berlina. Penso che non si possa stare zitti. Ho fatto anche un'esperienza con Libera e ho conosciuto i migranti che arrivano dalla Libia, dopo le torture, rischianod in motire in mare. C'è bisogno di farsi sentire e loro hanno bisogno di sentirsi accolti da noi."
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Март 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031