Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Caserta, fermato il pirata della strada che ha investito e ucciso due persone in bici. "Ho sentito un urto"

Caserta, fermato il pirata della strada che ha investito e ucciso due persone in bici. "Ho sentito un urto"

CASERTA. E’ stato individuato e fermato nella notte un 42enne di Caserta, accusato di aver investito e ucciso nella mattinata di ieri, due giovani immigrati lungo la statale Appia a Teverola, mentre erano in bicicletta. Sono stati i carabinieri di Teverola ad eseguire il fermo emesso dal sostituto procuratore di turno della Procura della Repubblica di Napoli Nord, Paolo Martinelli.
L’uomo, Antonio Corvino, era alla guida di una Bmw X3, che è stata rinvenuta presso una carrozzeria di Caserta e sottoposta a sequestro e a rilievi tecnici. A suo carico sono stati raccolti numerosi indizi di colpevolezza e per questo ora deve rispondere di omicidio stradale. L’uomo, dopo aver investito i due giovani immigrati regolari della Guinea (20enne) e del Senegal (19enne) era fuggito senza prestare soccorso. E’ stato individuato grazie anche alla telecamere di alcuni esercizi commerciali che si trovano lungo la statale Appia a Teverola. Corvino è stato rinchiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere e nelle prossime ore verrà interrogato dal pm che segue le indagini.
"Ho avvertito che la macchina ha urtato qualcosa, ma non mi sono accorto che fossero due persone, in quanto era buio". Si è giustificato così, di fronte ai carabinieri che lo hanno fermato, Antonio Corvino
L'uomo è stato identificato dai carabinieri della Compagnia di Aversa dopo meno di 24 ore dal fatto; i militari hanno infatti passato al setaccio numerose carrozzerie, fin quando la Bmw X3 di Corvino, ovviamente incidentata, è stata trovata all'esterno di una carrozzeria di Caserta; l'esercizio era chiuso ieri in quanto domenica. Corvino ha raccontato di essersi fermato "dopo qualche chilometro in seguito all'urto; un pneumatico era a terra, mi sono accorto di aver preso una botta e ho chiamato il carro-attrezzi". Il 42enne si è rifiutato di sottoporsi ai test tossicologici, cosa che per legge equivale alla positività; l'ipotesi dei carabinieri è che avesse assunto sostanze psicotrope che hanno ridotto la lucidità.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031