Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Maltempo, allarme ad Argelato: "Siamo sott'acqua". Bonaccini: "Stato d'emergenza"

BOLOGNA - "La situazione degli allagamenti ad Argelato è ancora importantissima, tante case e tante zone sono ancora sott'acqua, abbiamo bisogno di più forze, mezzi e uomini". Così Claudia Muzic, sindaco del comune della Bassa Bolognese sul cui centro abitato si è riversata l'acqua dell'esondazione di ieri del Reno a Castel Maggiore. Oltre agli allagamenti, nella notte e nella prima mattinata si sono verificati ad Argelato anche blackout elettrici.
• BONACCINI: STATO D'EMERGENZA

La Regione Emilia-Romagna chiederà lo stato di emergenza per i danni del maltempo. Lo ha annunciato il presidente Stefano Bonaccini al termine di un vertice in Prefettura a Bologna insieme ai sindaci dei Comuni interessati, forze dell'ordine, collegati in video col Dipartimento di Protezione civile nazionale. La richiesta riguarderà in primis la Bassa Bolognese colpita dall'esondazione del Reno, ma anche il Piacentino per il gelicidio, il Reggiano per alcune frane e il Modenese per arginature da ripristinare.
Maltempo, allerta rossa. Il Reno rompe gli argini
"La viabilità principale si sta liberando - spiega Muzic - l'acqua sta defluendo e riapriamo man mano le strade", "l'Enel sta intervenendo per la mancanza di elettricità". Il sindaco di Argelato, che in queste ore sta incontrando la Protezione civile per fare un punto sulla situazione, sottolinea in un video su Facebook di aver bisogno "di molte più forze, di molti più uomini e di molti più mezzi perché la situazione ad Argelato è davvero emergenziale". "Non possiamo gestire una situazione di tale disagio ed emergenza per i cittadini se non con forze adeguate", afferma.
Maltempo, ondata di piena del Reno travolge 6 carabinieri: salvati in elicottero dai vigili del fuoco
Maltempo, allarme ad Argelato: "Siamo sott'acqua". Bonaccini: "Stato d'emergenza"

in riproduzione....
Condividi
Ieri nella Bassa Bolognese, tra Castel Maggiore e Argelato, in seguito alla rottura di un argine del Reno quasi 300 persone sono state evacuate. Dieci sono finite in ospedale per ipotermia, tra cui sei carabinieri travolti dall'acqua mentre prestavano soccorso.
• CONTROLLI ANTI SCIACALLI

Iniziati già ieri sera, proseguono i servizi dei carabinieri per la prevenzione e la repressione dei fenomeni di sciacallaggio nelle case evacuate per lo straripamento del fiume Reno. Vista la gravità dei fatti, il comando ha disposto l'invio di un contingente di militari, 20 oggi e altri 30 domani, specializzati in questo tipo di servizi creati a tutela della popolazione
Maltempo Bologna, esonda il Reno. La vista dall'alto
Maltempo, allarme ad Argelato: "Siamo sott'acqua". Bonaccini: "Stato d'emergenza"

in riproduzione....
Condividi
• ALLARME COLDIRETTI

"Sono finiti sott'acqua centinaia di ettari di coltivazioni seminati a grano" e "risultano invasi dal fango anche terreni preparati per le bietole e il mais con l'esondazione del fiume Reno in Emilia". È l'allarme lanciato da Coldiretti che sottolinea come l'ondata di maltempo ha colpito l'agricoltura "lungo tutta la penisola, dalla Toscana alla Campania dove il Sarno non ha retto alla piena e ha provocato danni ingenti alle serre e alle colture in pieno campo". I danni nelle campagne potrebbero "arrivare a milioni di euro". "Il livello idrometrico del Po - continua Coldiretti - è salito di quasi due metri nella notte a Pontelagoscuro con lo stato del principale fiume italiano che è rappresentativo delle difficoltà in cui si trovano altri fiumi e torrenti lungo la penisola dove si sono verificate evacuazioni ed allagamenti.
Maltempo a Bologna: il fiume Reno in piena invade un parcheggio
Maltempo, allarme ad Argelato: "Siamo sott'acqua". Bonaccini: "Stato d'emergenza"

in riproduzione....
Condividi
Una svolta improvvisa dopo che il Nord era stato costretto a fare i conti con un lungo periodo di siccità per assenza di precipitazioni con terreni aridi e bacini a secco". "L'andamento anomalo di questo inizio 2019 - continua Coldiretti - conferma i cambiamenti climatici in atto che si manifestano con la più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense e il rapido passaggio dal sole al maltempo. Il ripetersi di eventi estremi - conclude Coldiretti - sono costati all'agricoltura italiana oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Февраль 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728