Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Sea Watch, i sindaci al sit-in di Siracusa pro-migranti: "No alla barbarie"

Si fanno sentire i sindaci. “Raccontiamo che c’è un’accoglienza possibile, umana”, dice Michelangelo Giansiracusa, giovane primo cittadino di Ferla, che ha coordinato gli amministratori che chiedono lo sbarco immediato dei migranti della Sea Watch. Ieri sera, al presidio al tempio di Apollo di Siracusa delle associazioni e dei cittadini che criticano lo stallo imposto dal governo, sono arrivati loro, con le fasce tricolori: il sindaco di Noto, quello di Monteforte San Giorgio, il vicesindaco di Scicli, oltre a quello di Siracusa. “Qualcuno vorrebbe soffocare amore e fratellanza con qualcosa di barbaro che ha a che fare con epoche passate di cui nei giorni scorsi abbiamo celebrato la memoria”, dice il primo cittadino di Noto, Corrado Bonfanti. “Che differenza c’è tra quelli che sono sulla nave e quelli che arrivano sulle nostre coste? Ditemelo”.
Durante il sit-in si susseguono gli applausi al sindaco di Siracusa, Francesco Italia, che dal primo giorno chiede lo sbarco dei migranti: “La situazione a bordo della Sea Watch sta precipitando”, ripete per tutto il giorno. Arrivano anche i videomessaggi di altri sindaci da tutta Italia: da Pachino all’Emilia-Romagna. Telefona pure Domenico Lucano, il primo cittadino di Riace: “A un chilometro dalla costa di Siracusa ci sono persone che chiedono solo di mettere piede su una terra che è di tutti". Un lungo applauso conclude la serata: “Grazie, Mimmo”.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Февраль 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728