Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Meteo, weekend di neve e freddo al Centro-Sud. Scuole chiuse in Calabria, Basilicata e Sardegna

ROMA - Un altro weekend di freddo, neve e venti di burrasca su tutto il centrosud con un'allerta meteo che riguarda soprattutto Abruzzo, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia. Un'irruzione di aria artica fin dalle prime ore di oggi ha già fatto peggiorare sensibilmente il tempo sulle regioni adriatiche centro-meridionali dove oltre ai temporali, è prevista neve a quote collinari, sopra i 400 metri circa. In nottata e nelle prima ore di domani i fiocchi potrebbero raggiungere anche le coste abruzzesi, molisane e pugliesi settentrionali.
Scuole chiuse in Calabria e Basilicata

A causa della neve, i sindaci di Cosenza e della vicina Rende hanno disposto la sospensione delle lezioni già da oggi. La Protezione Civile della Calabria aveva emesso una allerta meteo con codice giallo per la serata di ieri e per tutta la giornata di oggi, segnalando la possibilità di nevicate al di sopra dei 700-900 metri oltre che venti forti e mareggiate lungo le coste. In corso già da ieri anche temporali in diverse aree, con temperature basse in molte località.

Potenza e la sua provincia si sono risvegliate sotto una fitta coltre di neve per le intense precipitazioni di questa notte che hanno creato accumuli moderati. Le scuole sono chiuse a Potenza, dopo l'allerta meteo di Protezione civile diramata ieri pomeriggio, ed in circa cinquanta Comuni della provincia. Problemi con il piano neve, sarebbero esaurite le scorte di sale.
Ghiaccio in Sardegna, salvato escursionista

Neve e ghiaccio anche sulle strade della Sardegna e scuole chiuse in diversi comuni. E' stato ritrovato nel corso della notte, intorno alle 3,30 l'escursionista di 40 ani, originario di Aglientu, che ieri pomeriggio aveva lanciato un Sos con il suo cellulare perché aveva perso l'orientamento sul monte Limbara. La zona è stata battuta palmo a palmo dai Vigili del Fuoco di Sassari, Polizia, Carabinieri, agenti del Corpo Forestale, Protezione Civile, con condizioni meteo proibitive. La zona infatti è sferzata da venti freddi di maestrale e sta nevicando. L'uomo è stato visitato da un medico e, seppur spaventato e infreddolito, sta bene.
Potenziato piano freddo a Roma

In seguito all'allerta meteo diramata dalla Protezione Civile Regionale e all'abbassamento delle temperature, Roma Capitale ha attivato nuove strutture per l'accoglienza delle persone senza fissa dimora. Sono quindi disponibili 80 posti tra le strutture aperte presso la Stazione Termini, presso la Stazione Tiburtina e presso la Casa di Riposo di Roma Tre. Resteranno inoltre aperte le Stazioni della Metropolitana di Piramide e Flaminio. Questi posti si aggiungono al Piano Freddo messo a punto dall'Amministrazione capitolina e operativo già dai primi giorni di dicembre che assicura 235 posti per l'accoglienza notturna. Ulteriori 18 posti sono stati poi attivati per fronteggiare l'abbassamento delle temperature di questi giorni. Altre strutture di accoglienza per i senza dimora si stanno organizzando sui territori, grazie all'impegno congiunto del Dipartimento Politiche Sociali e dei Municipi, per un totale di 125 posti.
Siccità al Nord

Mentre il Sud è bloccato dalle bufere di neve al Nord cresce l'allarme siccità con il livello del Po sotto di 3,5 metri rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. È quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti al Ponte della Becca (Pavia) sullo stato del più grande fiume italiano che è rappresentativo dell'anomalie climatiche con una Italia alla rovescia e spaccata in due. Al nord praticamente non piove e non nevica dall'inizio dell'inverno e gli effetti si fanno sentire con il ripetersi di incendi boschivi fuori stagione mentre cresce l'allarme degli agricoltori per la mancanza di acqua necessaria a creare le riserve idriche per i prossimi mesi.
Previsioni per il weekend

Secondo il Meteo.it, l'aria fredda causerà un nuovo calo delle temperature che scenderanno fino a -5 C sulla Pianura padana, prossimi allo zero anche al Centro e sulle alture del Sud. Di giorno non si salira' oltre i 10 C su gran parte d'Italia.Nel corso del weekend, dopo un temporaneo miglioramento atteso sabato 12, il tempo peggiorera' ancora al Centro-Sud domenica 13, questa volta pero' sui settori tirrenici.

GUARDA - Le previsioni
Sul resto del Paese l'alta pressione garantirà un tempo più stabile con sole prevalente, fatta eccezione per i confini alpini, specie alto atesini dove continuerà a nevicare. L'aria fredda causerà un nuovo calo delle temperature che scenderanno fino a -5°C sulla Pianura padana, prossimi allo zero anche al Centro e sulle alture del Sud. Di giorno non si salirà oltre i 10°C su gran parte d'Italia. Nel corso del weekend, dopo un temporaneo miglioramento atteso sabato, il tempo peggiorerà ancora al Centro-Sud domenica, questa volta però sui settori tirrenici. (red)
Il Dipartimento nazionale di

Protezione Civile ha emesso l'avviso di condizioni meteorologiche avverse per le possibili nevicate in Abruzzo. Nell'avviso, emesso ieri sera, si sottolinea che per le successive 24-36 ore sull'Abruzzo sono previste nevicate al di sopra dei 200 metri con apporti al suolo da deboli a moderati, fino ad abbondanti a quote collinari e montane. A seguito dell'avviso meteo, la Protezione Civile regionale, per eventuali attivazioni di emergenza, ha messo in stato di preallerta le organizzazioni di volontariato di protezione civile convenzionate a partire dalla nottata.
La Protezione Civile, al fine di garantire la salvaguardia della popolazione e la riduzione di possibili disagi, ha invitato le amministrazioni comunali a verificare la disponibilità del proprio personale; a prendere contatti con le ditte convenzionate per lo sgombero neve; a verificare la disponibilità e l'efficienza di materiali e mezzi a disposizione; a mettere in atto ogni altra misura necessaria e prevista nei piani di emergenza; di dare ampia diffusione alla cittadinanza delle norme di autoprotezione.
(Sod/AdnKronos)
Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un'altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.
Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Январь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031