Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Condannato in maxiprocesso Aemilia tiene cinque persone in ostaggio in un ufficio postale: "Sono quello che ha preso 19 anni"

Condannato in maxiprocesso Aemilia tiene cinque persone in ostaggio in un ufficio postale: "Sono quello che ha preso 19 anni"

REGGIO EMILIA - Un imputato condannato pochi giorni fa nel maxi-processo di 'ndrangheta 'Aemilia', da allora irreperibile, si è asserragliato dentro l'ufficio postale di Pieve Modolena, frazione di Reggio Emilia, con un coltello. Si tratta di Francesco Amato, condannato a 19 anni, nei confronti del quale pendeva un ordine di carcerazione.
"Sono quello condannato a 19 anni in Aemilia", avrebbe pronunciato il ricercato entrando nell'ufficio postale. Dai primi accertamenti avrebbe fatto uscire tutti i clienti, tenendo in ostaggio cinque dipendenti, tra i quali la direttrice. Sul posto le forze dell'ordine che hanno hanno avviato trattative, ma Amato, a quanto si apprende, "non collabora" e si starebbe valutando l'intervento di forze speciali. La parte della via Emilia dove si trova la filiale delle Poste è stata evacuata, e sono stati creati due punti di sbarramento ai lati.
Reggio Emilia, condannato al processo Aemilia prende ostaggi in un ufficio postale
Condannato in maxiprocesso Aemilia tiene cinque persone in ostaggio in un ufficio postale: "Sono quello che ha preso 19 anni"

in riproduzione....
Condividi
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031