Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Grottaglie, la piazza rinasce con un giardino e la targa per i bambini uccisi dall'inquinamento

TARANTO - A Grottaglie, in provincia di Taranto, in piazza Cafforio sono state inaugurate l'area giochi e una targa dedicata a Lorenzo Zaratta, detto Lollo, il bimbo tarantino di cinque anni morto nel 2014 per un tumore al cervello, e a tutti gli altri bambini considerati vittime dell'inquinamento. L'iniziativa è di alcune associazioni in collaborazione con l'amministrazione comunale di Grottaglie.
Il progetto, ideato e supervisionato dall'assessore ai Lavori pubblici, Andrea Magazzino, in collaborazione con l'assessora alle Politiche sociali, Marianna Annicchiarico, ha previsto la realizzazione di un parco giochi inclusivo attraverso l'inserimento di strumenti di gioco adatti a tutti i bambini e bambine, tenendo conto delle abilità di ognuno. Contestualmente alla riapertura della piazza è stata svelata alla cittadinanza la targa dedicata al piccolo Lollo Zaratta, il bambino diventato simbolo della lotta all'inquinamento.
Balzato alle cronache perché sempre in prima linea con il papà durante le tante manifestazioni in favore dell'ambiente e del territorio, è venuto a mancare pochi giorni dopo il compimento dei suoi primi cinque anni: a lui la città di Grottaglie dedica un'area giochi, la seconda in Puglia e in Italia. Presenti alla cerimonia Mauro Zaratta, il papà di Lollo, le istituzioni, le associazioni, gli artigiani, i liberi cittadini e i commercianti che ne hanno reso possibile la realizzazione.
Si tratta di "una targa - hanno rimarcato i promotori dell'iniziativa - in un luogo dove il gioco, il divertimento e la spensieratezza dei nostri bambini ci ricordino quanto poco è stato fatto per loro e per la nostra terra. Una targa che sia monito costante per noi genitori, un richiamo all'attenzione e un continuo rimprovero a chi volta le spalle al peso della realtà e che allo stesso tempo ribadisca più forte che mai che i bambini hanno diritto a vivere e giocare.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31