Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

La Tunisia dice no a Salvini: "Niente rimpatri fuori dagli accordi"

La Tunisia dice no a Salvini: "Niente rimpatri fuori dagli accordi"
Salvini a Vienna con il ministro tunisino Hichem Fourati, a sinistra (ansa)
I 184 tunisini arrivati venerdì mattina a Lampedusa con sette barchini, nonostante l'annunciata chiusura dei porti italiani da parte del ministro Salvini che pretendeva l'intervento di Malta per fermarli, dovranno aspettare. Non potranno essere rimpatriati a strettissimo giro di posta come voleva il titolare dell'Interno. La Tunisia ha detto no a procedure velocizzate e a rientri diversi da quelli previsti dagli accordi in atto che limitano ad 80 il numero di persone da rispedire indietro con due voli charter due volte a settimana.
I 184 sono stati già trasferiti a Trapani per le ordinarie procedure di identificazione e si metteranno in fila con tutti quelli che ancora restano da rimpatriare, più di 1.800 dei 3.500 arrivati quest'anno e giudicati irregolari dalle commissioni.
Dopo l'arrivo-beffa a Lampedusa dei 184 migranti, quasi tutti tunisini, Salvini aveva avuto un colloquio informale a Vienna con il suo omologo tunisino e aveva annunciato procedure "innovative ed efficaci" per rimandare subito in patria i tunisini sbarcati. Pensava ad una identificazione immediata a Lampedusa, con altrettante immediata accettazione della riammissione in patria dalle autorità tunisine e un volo charter straordinario entro domenica. Ma così non sarà.
Le autorità tunisine hanno immediatamente chiarito che non vi sarà alcun rimpatrio straordinario. Martedì a Roma, in un incontro già fissato, Salvini e il suo omologo tunisino si rivedranno e si capirà se esistono le condizioni per aumentare e velocizzare le operazioni di rimpatrio di chi arriva dalla Tunisia, che nel 2018 è stata la prima nazione di provenienza dei migranti con circa 4200 persone. Di questi, 3500 sono stati destinatari di un provvedimento di espulsione ma solo 1700 sono tornati effettivamente a casa.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Ноябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930