Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Sant'Anna di Stazzema (Lucca), Mattarella ricorda la strage degli innocenti

Mentre si svolgono le cerimonie per commemorare le vittime dell'eccidio nazista del 12 agosto 1944 anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricorda quell'evento, tra i più efferati crimini compiuti dalle SS in Italia. "Sant'Anna di Stazzema è nel cuore degli Italiani. Lo spaventoso eccidio nazifascista, compiuto il 12 agosto di settantaquattro anni fa, costituisce uno dei vertici di più sconvolgente disumanità che la guerra seppe toccare, destando orrore tra gli orrori", scrive Mattarella. "Al tempo stesso la fermezza e la dignità mostrate dalla popolazione di Sant'Anna nel ricostruire la comunità dopo l'immane tragedia e nel trasmettere ai giovani il ricordo e i valori fondamentali della vita hanno consentito di accumulare tesori preziosi per il Paese intero, il suo tessuto democratico, la sua cultura di pace".
Sant'Anna di Stazzema (Lucca) ricorda l'eccidio nazista
"In questo giorno di ricorrenza, desidero esprimere il rinnovato dolore per le tante vite innocenti così crudelmente martoriate, e insieme i sentimenti di vicinanza ai familiari delle vittime, ai discendenti, a tutti coloro che oggi partecipano alle celebrazioni di Sant'Anna di Stazzema. Il commosso saluto della Repubblica si unisce a quello di tutti gli italiani e di tutti gli europei che considerano irrinunciabile quel patrimonio di libertà, di diritti, di solidarietà che, dopo la Liberazione, i nostri popoli sono riusciti a costruire e che siamo sempre chiamati a difendere da ogni minaccia.

Una spietata ferocia si accanì allora su bambini, donne, anziani inermi, spezzando sentimenti e speranze, oltraggiando i loro corpi, occultando ogni segno di umanità negli stessi aguzzini. A tanto può giungere la violenza, l'odio, la smania di dominio: questa memoria consegna alle nostre coscienze un monito che mai può essere cancellato", prosegue.

"Sta ora al nostro impegno e alle nostre responsabilità, personali e collettive, rafforzare nei tempi nuovi la cultura della vita, la pace tra uomini e popoli liberi, la solidarietà necessaria per dar vita a uno sviluppo davvero condiviso e sostenibile".
Durante la commemorazione il sindaco di Stazzema Maurizio Verona si è rivolto polemicamente al governo. "Il ministro Lorenzo Fontana venga qui a dire che bisogna togliere le leggi che puniscono i reati contro i sostenitori di razzismi e violenze. Che venga a raccontarlo ad Enrico, Enio, Adele, Cesira, Mauro, Milena, Siria e a tutti gli altri superstiti della strage che hanno visto cadere accanto a loro padri, madri, fratellini e sorelle, che negli anni successivi non hanno più ritrovato amici di scuola e compagni di gioco perché nazisti e fascisti avevano distrutto tutto", ha detto. "Il 7 Agosto 2018 il consiglio comunale di Stazzema ha votato un ordine del giorno con cui si chiede conto delle affermazioni del ministro della Famiglia Lorenzo Fontana che ha proposto di abolire la Legge Mancino che a suo dire 'si è trasformata in una sponda normativa usata dai globalisti per ammantare di antifascismo il loro razzismo anti-italiano'. Attendiamo le sue scuse, attendiamo le sue dimissioni". Il Sindaco di Stazzema ha annunciato che sarà dedicato uno spazio del Parco a Carlo Azeglio Ciampi ed ha sottolineato l'impegno dei superstiti e dei familiari delle vittime per trasmettere la memoria della strage e parlare ai giovani. "Abbiamo intenzione di organizzare un Festival dei Valori a Sant'Anna di Stazzema coinvolgendo artisti, sportivi, personaggi del mondo della cultura. Vogliamo parlare ai giovani ed amplificare il messaggio di Sant'Anna di Stazzema. Per raggiungere questo obiettivo servirà l'impegno di tutti". Verona ricorda l'Anagrafe Antifascista del Comune di Stazzema, con la Carta di Stazzema che ne è a fondamento. "A dicembre scorso abbiamo scelto di non essere indifferenti ma di prendere posizione con l'Anagrafe". Che ha superato le 40 mila iscrizioni. La cerimonia si è svolta al Sacrario delle Vittime civili di Sant'Anna di Stazzema, chiamato anche Monumento Ossario, sul Colle di Cava, riposano dal 1948 i Martiri di Sant'Anna: quest'anno ricorre il 70° anniversario dalla sua realizzazione, su progetto dell'architetto Tito Salvatori.
Appassionato l'intervento del vicepresidente del Parlamento europeo David Sassoli. "Il razzismo non è mai una goliardata", ha detto. "Chi avrebbe pensato agli inizi del Novecento, vivendo nella Belle Epoque, che da lì a poco si sarebbe scatenata una guerra provocando fra i 15 e 17 milioni di morti? Chi avrebbe immaginato che la famiglia di un ufficiale italiano di religione ebraica che aveva combattuto con valore sul Carso sarebbe stata spedita a Dachau con la complicità del suo governo? Chi avrebbe pensato che l’area dell’Esposizione universale di Belgrado sarebbe diventata un campo di sterminio che avrebbe fatto proclamare al comando tedesco che la capitale serba era “Juden frei”? Chi avrebbe creduto che uno scialbo pamphlet scritto da un caporale austriaco sarebbe diventata la nuova Bibbia per una generazione di tedeschi e non solo? La sistematica preparazione dottrinaria si svolge sempre sotto le insegne di valori identitari e il nazionalismo ne è l’ambito naturale. Da idea di libertà, indipendenza e autonomia, il nazionalismo si è trasformato in una ideologia in grado di proteggere, stimolare istinti di sopravvivenza, far prevalere connotati etnici che non fanno fatica a dichiararsi superiori e a rivelarsi razzisti".
La cerimonia ha avuto inizio con la messa officiata dall'arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto, poi il corteo si è mosso lungo la Via Crucis per raggiungere il Monumento Ossario. Sono intervenuti il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni, il presidente dell'Associazione Martiri di Sant'Anna, Enrico Pieri e l'assessore della Regione Vincenzo Ceccarelli. E' stata inaugurata la mostra "Colori per la Pace" che ha raccolto disegni da bambini provenienti da oltre 100 paesi del mondo.

E' intervenuta la giovane Chiara Bertolli in rappresentanza dei 18 giovani italiani e tedeschi che stanno svolgendo in questi giorni il "Campo per la pace" a Sant'Anna di Stazzema.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031