Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Salvini e la bufala dei migranti che pretendono l'abbonamento a Sky

"I richiedenti asilo vogliono avere Sky". La notizia, rilanciata da un quotidiano veneto sia sul sito che sul web, ha scatenato gli utenti dei social network. Dove fioccano i commenti scandalizzati, tutti dello stesso tenore: "Loro protestano, pretendono e noi italiani?". Ma l'indignazione non si limita al web: "Prima i doveri, poi i diritti, certe richieste non devono essere accolte per rispetto dei vicentini in difficoltà" dice il sindaco del capoluogo berico Francesco Rucco. E alla fine anche il solito Matteo Salvini la rilancia su Twitter.
[media=https://twitter.com/matteosalvinimi/status/1027984899884691457?ref_src=twsrc^tfw]

Ma le cose sono davvero andate così? Al centralino della Questura di Vicenza, dove lunedì pomeriggio si è radunato un gruppo di richiedenti asilo, della curiosa richiesta dell'abbonamento Sky non ne sanno nulla: "Non siamo a conoscenza delle richieste dei migranti. Ci limitiamo a gestire l'ordine pubblico e per quello che ci riguarda tutto si è svolto in tranquillità".
Bisogna rivolgersi alla Prefettura, dove nella mattinata di lunedì si era tenuto un incontro con i rappresentanti della Cooperativa che ospita i richiedenti asilo: "Le uniche richieste a noi riportate dagli operatori del centro d'accoglienza San Paolo sono relative all'iscrizione anagrafica, ma si è parlato anche di alcuni aspetti legati al cibo della mensa", fa sapere il vicecapogabinetto Riccardo Stabile che si è occupato della questione. E aggiunge: "Dell'abbonamento Sky lo abbiamo letto anche noi sui media".
Insomma una bufala bella e buona. Stupisce che il ministro dell'Interno, invece di verificare con le istituzioni locali e far cadere, se non smascherare, la falsa notizia, la rilanci su Twitter accreditandola e rendendola ancora più virale. Insomma, il capo Viminale diffonde una bugia smentita dalla questura e dalla prefettura.
Contattata telefonicamente, la Cooperativa Cosep di Padova fa sapere di non poterci mettere in contatto né con i referenti della struttura né con i richiedenti asilo e conferma la versione della Prefettura: "Solo richieste relative ai certificati di residenza, necessari per lavorare e ricevere la documentazione relative alle pratiche burocratiche di accoglienza".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031