Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Serge e gli altri schiavi dei campi, in agricoltura 4 su 10 lavorano in nero

Serge e gli altri schiavi dei campi, in agricoltura 4 su 10 lavorano in nero

ROMA - Quando Serge arriva in Italia dalla Costa D'Avorio, nel 2016, trova lavoro nei campi. In Sicilia. Lo mettono a raccogliere fragole. "Finalmente", pensa. Ma scopre presto che la realtà è molto lontana da quella che sognava. E che non gli spetta alcun diritto. Neanche al riposo, o a una paga giusta. Scopre il caldo insopportabile nelle serre di plastica, e la fatica inumana di non fermarsi mai, per nessun motivo, dalle 5 del mattino alle 4 del pomeriggio. Solo 20 minuti per mangiare. Sette giorni su sette. E scopre le ustioni sulla schiena, e che se non vieni al campo anche quando stai male ti buttano fuori, e che se in serra arriva la polizia, ti devi nascondere. E stare zitto. E non protestare. Perché, come dice il "padrone", "questo lavoro te lo devi meritare".
Lo sfruttamento degli invisibili

Serge è uno delle migliaia di braccianti gravemente sfruttati in Italia. In tutto sono 400mila i lavoratori agricoli a rischio. Lo dice il quarto rapporto Agromafie e Caporalato-Osservatorio Placido Rizzotto Flai Cgil, che pubblichiamo in anteprima. In totale i braccianti nel nostro Paese sono circa un milione. E i migranti si confermano una risorsa fondamentale. Nel 2017 ne sono stati registrati 286.940, circa il 28% del totale. A questi dati vanno aggiunte le stime sul sommerso: oltre 220mila stranieri che vengono assunti in nero o che hanno una retribuzione molto inferiore a quella prevista dai contratti nazionali.
Un business che vale 4,8 miliardi

Complessivamente, il business del lavoro irregolare e del caporalato in agricoltura vale 4,8 miliardi di euro. E il tasso di irregolarità è pari al 39%. Tanto che si calcola un'evasione contributiva di 1,8 miliardi. "Questi numeri - si legge nel rapporto - confermano, purtroppo, uno scenario simile agli anni precedenti". Nonostante la legge contro il caporalato approvata nel 2016. Anche se nel 2017, proprio grazie alle nuove norme, ci sono stati 71 arresti.
Al caporale tre euro per un panino

In tutto, oggi, sono 30mila le aziende che ricorrono all'intermediazione, circa il 25% del totale. Il caporale ingaggia i braccianti e viene pagato dal proprietario dell'azienda, ma anche dagli stessi lavoratori, che devono dargli una parte del loro compenso. E sono costretti a versare anche 5 euro di trasporto per arrivare al campo, 3 euro per il panino, 1,5 per una bottiglietta d'acqua.
Una paga di 20-30 euro al giorno

La paga media resta tra i 20 e i 30 euro al giorno, 3-4 euro l'ora, da 8 a 12 ore di lavoro (e spesso le ore pagate sono molte meno di quelle realmente lavorate), un salario inferiore di circa il 50% a quello previsto. Le donne, inoltre, percepiscono il 20% in meno rispetto ai loro colleghi. Nei gravi casi di sfruttamento, alcuni migranti percepiscono un salario di 1 euro l'ora. Serge, come gli altri, è uno schiavo. Ma è sempre meglio di non avere un lavoro, di non avere niente. O di tornare a casa.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930