Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Migranti, Diciotti a poche miglia dal porto di Trapani: nessuno sar? fermato, decider? la procura

Sarà la Procura di Trapani a valutare la posizione dei due migranti, un ghambiano e un sudanese, individuati come i presunti responsabili delle minacce che lunedi hanno costretto la Guardia costiera a prendere a bordo della nave Diciotti i 67 migranti soccorsi domenica dal rimorchiatore Vos Thalassa che stava poi per consegnarli alle motovedette libiche.
L'indagine-lampo svolta dagli investigatori della polizia di Stato, che ieri ha mandato suoi uomini a bordo della Vos Thalassa a raccogliere le testimonianze del comandante e degli uomini di equipaggio minacciati dai migranti, non ha portato all'individuazione di elementi talmente gravi da consentire un fermo di polizia prima dello sbarco come aveva chiesto il ministro dell'Interno Salvini come precondizione per autorizzare lo sbarco.
Il pattugliatore della Guardia costiera, il cui arrivo a Trapani previsto per ieri pomeriggio, slittato alle otto di questa mattina, è ancora fermo davanti alle coste di Marsala a poche miglia dal porto e il suo approdo non sembra imminente. La polizia deve ancora ultimare gli atti di indagine urgenti ordinati da Salvini.
In mancanza di una flagranza di reato i poliziotti della squadra mobile di Trapani e dello Sco sono partiti per raggiungere in acque internazionali il comandante e l'equipaggio del rimorchiatore e prendere a verbale le loro testimonianze. Interrogati a bordo della Vos Thalassa anche i migranti e i due presunti responsabili, un sudanese e un ghanese. Il fermo di polizia sarebbe possibile solo se venisse ipotizzato a loro carico un reato particolarmente grave, come il tentato omicidio. Il fascicolo verrà invece valutato dalla Procura di Trapani diretta da Alfredo Morvillo che verrà radicata la propria competenza solo quando la nave toccherà il molo Ronciglio del porto di Trapani.
In porto, davanti a una gran folla di giornalisti e telecamere, ci sono anche diversi cellulari e macchine della polizia che scorteranno i migranti fino all'hotspot dove verranno identificati e resteranno in attesa delle valutazioni dei magistrati.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31