Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Processo Maugeri: la villa delle vacanze in Sardegna di Formigoni cade a pezzi

Sta "cadendo a pezzi" la villa in Costa Smeralda, ad Arzachena (Sassari), dove Roberto Formigoni trascorreva parte delle sue vacanze con l'amico di sempre Alberto Perego. Metà della casa era stata posta sotto sequestro in vista della confisca nell'ambito del processo sul caso San Raffaele-Maugeri e ora risulta così deteriorata da aver bisogno di lavori di manutenzione e risistemazione per circa 340 mila euro.
La villa di Formigoni in Sardegna cade a pezzi: 340mila euro per i lavori
Della lussuosa casa in Sardegna, 13 vani, una piscina e un parco, che si affaccia sul Golfo del Pevero, e che per l'accusa rientra tra le 'utilità' ricevute dall'ex governatore in cambio di delibere di giunta per favorire l'ente con sede a Pavia, se ne è parlato stamattina in aula prima del rinvio della sentenza d'appello, prevista per oggi e slittata al 19 settembre per l'ex presidente lombardo, l'ex direttore amministrativo della Maugeri Costantino Passerino ed altre due persone.
Tramite il suo legale, Perego, assolto in primo grado e nominato custode della casa a lui intestata, dopo il rigetto da parte del Tribunale, ha chiesto di nuovo alla Corte il dissequestro della parte dell'immobile ancora con i 'sigilli' in quanto ritenuto uno dei beni di Formigoni, riproponendo l'acquisto per 1,3 milioni di euro o, in alternativa, alla cifra che i giudici stabiliranno. Proposta che ha incassato il parere negativo della Procura generale (se dovesse essere venduta è necessaria la procedura di "evidenza pubblica") e sulla quale si deciderà nella prossima udienza.
Come è stato riferito in aula, la villa, che la scorsa estate è stata occupata per una notte da una famiglia rom, oramai sta cadendo a pezzi: dopo essere stata svuotata degli arredi, da 5 anni è disabitata, il mutuo non viene pagato da 4 anni mentre la banca ha acceso una ipoteca. Nessuno paga più le spesse correnti, è stato detto sempre in aula, e le piante del giardino stanno morendo.
Lo stesso legale di Perego ha spiegato che "ci sono problemi seri e sono necessari parecchi lavori" per rimetterla in sesto. Lavori che il legale, nella istanza depositata per l'acquisto, ha stimato appunto in 340mila euro.

Secondo le indagini della Procura, "Ville Le Grazie" sarebbe stata venduta dalla società Limes riconducibile al faccendiere Pierangelo Daccò a Perego, ad un prezzo di gran lunga inferiore a quello di mercato: valutata attorno ai 5 milioni sarebbe stata ceduta attorno ai 3 milioni, uno dei quali, per gli inquirenti, versato dallo stesso Formigoni all'amico commercialista. Secondo l'accusa il 'maxi sconto' praticato da Daccò rientrerebbe nelle utilità ricevute da Formigoni.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30