Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Aquarius, niente scuse da Macron: "Non posso dare ragione a chi provoca". Conte orientato a disertare l'incontro col leader francese

Aquarius, niente scuse da Macron: "Non posso dare ragione a chi provoca". Conte orientato a disertare l'incontro col leader francese
La Farnesina
ROMA - "Dare ragione a chi cerca la provocazione, a chi vede una nave avvicinarsi alle coste e la respinge, sarebbe un modo di aiutare i veri democratici?...Non possiamo cedere alla politica del peggio nella quale saremo tutti in preda all'emozione, dando così ragione a coloro che vogliono portarci verso le strade più buie. Non dimentichiamo chi ci ha interpellati, li conosciamo bene". Così il presidente francese, Emmanuel Macron, facendo riferimento, senza citarli esplicitamente, al governo italiano e a Matteo Salvini. "La vera risposta è nella politica di sviluppo, di sicurezza, di smantellamento delle reti di trafficanti", aggiunge.
Insomma zero scuse da parte francese. Anche se poi Macron assicura di "lavorare mano nella mano con l'Italia" nella gestione dei flussi migratori. "Da un anno lavoriamo in modo

esemplare, abbiamo ridotto a un decimo gli sbarchi grazie a un lavoro con la Libia, nel Sahel", afferma Macron. E arriva in serata la replica secca di Salvini: "Macron continua istericamente la sua guerra al popolo italiano che in quanto a generosità ha poco da imparare".
Resta alta, dunque, la tensione Italia-Francia per il caso Aquarius dopo che ieri l'Eliseo ha definito "cinica e irresponsabile" la politica del governo Conte e il portavoce di En Marche l'ha addirittura liquidata come "vomitevole". Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, ha annullato il suo incontro previsto oggi con l'omologo francese Bruno Le Maire, il quale ha espresso "rammarico" e si è augurato si possa tenere presto: sul tavolo c'era il tema delicatissimo della governance europea.
Ma è fortemente in bilico anche la visita del premier Giuseppe Conte, atteso venerdì a Parigi da Emmanuel Macron. "La Francia si scusi o Conte non vada", ha tuonato Salvini dall'aula del Senato, rimarcando a gran voce che sul piano della solidarietà l'Italia non accetta lezioni da nessuno, né dalla Francia né dalla Spagna. E il presidente del Consiglio, secondo fonti del governo, sarebbe orientato a non andare. Manca ancora l'ufficialità ma "al momento non ci sono le condizioni" per il viaggio a Parigi e per l'incontro con il presidente francese Emmanuel Macron. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, tiene la linea dura.

Quello che filtra, alla fine di un pomeriggio di riunioni a palazzo Chigi, fotografa una situazione molto delicata dopo lo scontro diplomatico con la Francia.La visita ufficialmente, viene spiegato da fonti governative, non è annullata ma di fatto "l'orientamento predominante" è questo: non ci sarà nessun incontro con Macron senza un gesto ufficiale di scuse da parte del governo francese. Posizione che ha avuto il sostegno anche dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con cui ieri Conte, a margine di un incontro informale durante il quale il premier ha anticipato i nomi dei sottosegretari, si è discusso brevemente anche dello scontro con Parigi.

La decisione di non comunicare ancora con una nota ufficiale di palazzo Chigi la notizia di annullamento della visita, nasce dalla volontà di mantenere un piccolo spiraglio nel dialogo tra Italia e Francia. Quindi, l'ipotesi che il viaggio sia solo rinviato a 'tempi migliori', esiste. Anche se tra Conte e Macron non c'è stato alcun contatto telefonico e le dichiarazioni a distanza, al momento, non lasciano ben sperare. Ad oggi la tensione tra i due Paesi è forte e, secondo quanto si apprende, non sono mancati i tentativi di mediare con il ministro degli Esteri (non con Macron direttamente, quindi): tentativi che però sono falliti.

Da qui la decisione di rinviare la visita. Anche perchè, così viene riferito, il fatto che questa mattina all'incontro del ministro degli Esteri, Enzo Milanese Moavero, non si sia presentato l'ambasciatore ma il 'secondo' dell'ambasciata francese (incontro "ruvido", secondo quanto si apprende) è stato interpretato come uno 'sgarbo'.

Il premier Conte, quindi, ha deciso di tenere la posizione e tutto il governo, viene spiegato, condivide la sua linea.
Il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, stamane aveva convocato alla Farnesina l'ambasciatore francese. Da Parigi arrivava la replica: "La Francia non ha ricevuto alcuna informazione dalla presidenza del Consiglio italiano sul possibile annullamento della visita di Giuseppe Conte". L'Eliseo, in una nota, precisava anche che non era arrivata alcuna richiesta dall'Italia di scuse ufficiali per le dichiarazioni del presidente francese.
Aquarius, niente scuse da Macron: "Non posso dare ragione a chi provoca". Conte orientato a disertare l'incontro col leader francese

Enzo Moavero Milanesi
Condividi
Assente da Roma per impegni a Milano, il diplomatico Christian Masset ha mandato al suo posto la 'numero 2' della delegazione, Claire Anne Raulin. Al termine del colloquio, la Farnesina ha diffuso una nota dai toni inusitatamente duri: Moavero ha definito "inaccettabili" le dichiarazioni usate "anche a livello governativo, a Parigi" e ha evocato il rischio che siano "compromesse le relazioni" tra Italia e Francia: "I toni impiegati sono ingiustificabili", tenuto conto dello sforzo dell'Italia e del fatto che da mesi pubblicamente denuncia l'insostenibilità della situazione e la latitanza dei partner europei. Moavero ha chiesto a Parigi "le iniziative idonee a sanare" lo strappo.

Da Oltralpe arrivava una nota di poche righe, molto lontana però dalle attese scuse. Il Quai d'Orsay ha ricordato che Parigi è "impegnata nel dialogo e nella cooperazione con Roma" sull'immigrazione ed è "perfettamente consapevole del peso della pressione migratoria sull'Italia e degli sforzi del Paese". Null'altro. Da parte sua Masset, da Milano, sottolineavo che la relazione fra Italia e Francia è "meravigliosa, solida e forte" e i due Paesi affrontano "sfide comuni, tra le quali l'immigrazione", sulle quali "dobbiamo lavorare insieme e rafforzare questo lavoro comune. E' quello che stiamo facendo", ha assicurato Masset.
Il ministro Moavero è però stato esplicito con l'incaricata d'affari Claire Anne Raulin che sostituiva l'ambasciatore assente da Roma: "Le accuse compronettono le relazioni tra Italia e Francia", ribadendo che le parole usate da Parigi per la vicenda Aquarius sono "inaccettabili". E ha chiesto che al più presto "si prendano iniziative per sanare la situazione". L'incontro di oggi a Parigi fra i due ministri dell'Economia era la prima tappa di un mini-tour europeo programmato "per avviare un dialogo costruttivo e aprire un confronto sulla governance europea in discussione in questi mesi". Resta invece confermata la visita a Berlino in programma domani per un primo incontro con il collega tedesco Olaf Scholz.
A Parigi intanto un portavoce del Quai d'Orsay rispondendo a una domanda sul caso Aquarius ha precisato: "Siamo perfettamente coscienti del carico che la pressione migratoria fa pesare sull'Italia e degli sforzi di questo Paese. Nessuna delle parole pronunciate dalle autorità francesi ha rimesso in discussione tutto questo, né la necessità di coordinarci strettamente fra europei". Sullo sforzo dell'Italia concorda del resto anche la Germania. Quello relativo ai migranti è un

tema "decisivo per il futuro e la coesione dell'Europa". Lo afferma la cancelliera Angela Merkel. "Dobbiamo tener conto - aggiunge - delle preoccupazioni di tutti i Paesi".E la ministra degli Affari europei francese, Nathalie Loiseau riconosce: "L'Italia è da anni di fronte a un afflusso massiccio di migranti e l'Europa non l'ha aiutata abbastanza".
Ma Matteo Salvini, impegnato nella mattinata in un'informativa al Senato su Aquarius, non arretra di un passo. Si dice "stufo dei morti di Stato, dei bambini che muoiono in mare perché qualcuno li illude che c'è un futuro qui" . E contro i francesi rincara la dose: "I francesci si scusino, non prendo lezioni di umanità. Quanto a solidarietà non ci devono insegnare niente. La nostra storia non merita di essere apostrofata in questi termini da esponenti del governo francese. Io parlo a nome del popolo".
E ancora:"I francesi fanno i fenomeni ma hanno respinto più di diecimila persone alle frontiere con l'Italia, tra cui moltissime donne e bambini". E aggiunge: "Ricordo poi che, sul fronte Nord Africa, paghiamo tutti l'instabilità portata proprio dai francesi in Libia e a sud della Libia. L'Italia oggi è tornata centrale e ha risvegliato l'Europa, spero che tutti i Paesi diano il loro contributo per l'obiettivo comune: difesa delle frontiere esterne, difesa del Mediterraneo".
Nell'informativa al Senato in corso nella mattinata, Salvini ha anche fatto una richiesta specifica: "Macron passi dalle parole ai fatti e domani mattina accolga i 9mila migranti che si era impegnato ad accogliere". E sottolinea che la Francia ha accolto solo 340 dei 9.816 migranti che dovevano essere ricollocati in tre anni. "La Francia ci dice che siamo cinici - ha aggiunto - ma dal 1 gennaio al 31 maggio ha respinto alle frontiere 10.249 persone, comprese donne e bambini disabili".
Non manca un ringraziamento al governo spagnolo: "Ringrazio il buon cuore del presidente Sanchez. Mi auguro e spero che eserciti la sua generosità anche nelle prossime settimane, avendo spazio per farlo".
Aquarius, niente scuse da Macron: "Non posso dare ragione a chi provoca". Conte orientato a disertare l'incontro col leader francese

Pedro Sanchez
Condividi
E ha concluso l'intervento - molto applaudito - dicendo che il problema emigrazione è una bomba a orologeria per l'Europa, annunciando anche un suo viaggio in Libia entro fine mese.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июнь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930