Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Vibo Valentia: uccise due persone e ne fer? tre, confessa: "Ho vendicato la morte di mio fratello"

VIBO VALENTIA - È finita la caccia all'uomo che lo scorso venerdì ha seminato panico e terrore tra Limbadi e Nicotera, nel vibonese, uccidendo due persone e ferendone altre tre. Francesco Giuseppe Olivieri, 32 anni, si è presentato da solo di fronte al carcere di Vibo Valentia, affermando di volersi costituire. Immediatamente, sul posto sono arrivati i carabinieri, dove per tutta la notte è stato ascoltato dal sostituto procuratore di Vibo Valentia Concettina Iannazzo. "Ho agito per vendicare la morte del fratello", si è giutificato l'uomo di fronte al gip durante l'udienza di convalida del fermo disposto dalla Procura di Vibo Valentia.
Secondo quanto riferito dai magistrati, "ha effettuato un vero e proprio raid punitivo, recandosi nelle abitazioni delle vittime, già designate nel suo programma criminoso". Lo ha riferito lo stesso Olivieri. Il 32enne ha confessato di aver sempre avuto in animo di farla pagare alle persone che riteneva essere coinvolte nell'omicidio del fratello e di aver avuto nel mirino anche altre persone. Ha aggiunto di essersi nascosto nelle campagne sopra Limbadi e di essere stato sempre da solo nel corso della fuga. Non ha fornito spiegazioni, invece, su come sia arrivato al carcere di Vibo.
Venerdì scorso, nel giro di un'ora, ha compiuto danneggiamenti, agguati ed esecuzioni in tre diversi centri del vibonese, uccidendo Giuseppina Mollese, 80 anni, e Michele Valerioti, 68 anni, e ferendo altre tre persone.
Poco prima che si presentasse spontaneamente, la sua auto era stata ritrovata dagli investigatori che per individuarlo per giorni hanno battuto le campagne tra Vibo Valentia e Rosarno. La vettura, una Fiat Panda, è stata ritrovata completamente carbonizzata in località Colarizzi, nei pressi di Spilinga, frazione del Vibonese, a circa 30 chilometri dal carcere.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031