Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Bullismo a scuola, a Lecce 17enne vittima dei compagni: con la sua maglietta pulivano lavagna

LECCE - Una denuncia per i ripetuti episodi di bullismo subiti in classe. A presentarla alla Procura di Lecce è stato l'avvocato di una famiglia dell'hinterland: il figlio minorenne - secono l'esposto - sarebbe stato vittima dei compagni di classe per alcuni mesi. A riportare il caso è il Quotidiano di Lecce. Alla denuncia sarebbe allegato anche un video che riprende le violenze subite dal ragazzo in classe.
Il video circola da giorni sulle chat Watsapp della provincia di Lecce. Nelle immagini il 17enne, vittima dei soprusi è messo all'angolo con una sedia da un compagno di classe che gli sferra calci di fronte ai compagni.
A presentare la denuncia sono stati i genitori del ragazzo, che dopo aver visionato hanno compreso perchè il loro ragazzo fosse sempre pieno di lividi e non andasse a scuola volentieri. Le aggressioni sarebbe state anche quotidiane.
Gli toglievano la maglia e la usavano come cancellino della lavagna. Non solo aggressioni - sul suo corpo c'erano segni che lui ha sempre cercato di minimizzare - ma anche umiliazioni. Lo riferisce, l'avvocato Giovanni Montagna che ha presentato l'esposto in Procura. "E' un ragazzo molto introverso, chiuso ma che ha sempre avuto un brillante rendimento scolastico. Da settembre, da quando sarebbero iniziati questi episodi, invece è calato notevolmente", racconta Montagna.
Il giovane aveva negato alla madre di avere problemi in classe fino al 7 aprile quando lei ha ricevuto un whatsapp con un video che ritraeva il figlio vittima di un compagno che lo prendeva a calci e lo minacciava con una sedia. Il video le è arrivato grazie ad un amico del 17enne che ha voluto cercare di aiutare la vittima. Quando la mamma ha chiesto spiegazioni, il giovane preso di mira dai bulli ha cercato di minimizzare. Non è ancora chiaro quanti partecipassero alle vessazioni. Sarà il lavoro della Procura a dover cercare di fare chiarezza.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031