Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Milano, Vallanzasca chiede la libert? condizionale, s? del carcere

Milano, Vallanzasca chiede la libert? condizionale, s? del carcere
(ansa)
Renato Vallanzasca ha chiesto ai giudici del tribunale della Sorveglianza di Milano "la liberazione condizionale" o in subordine la "semilibertà", beneficio già ottenuto nell'ottobre 2013 ma poi revocato dopo l'arresto del giugno 2014 per il furto in un supermercato di due paia di boxer, due cesoie e del concime per piante. Una tentata rapina costata all'ex capo della banda della Comasina, noto alle cronache come il "Bel Renè", una condanna a 10 mesi di carcere e 300 euro di multa, che si aggiungono al curriculum criminale fatto di 4 ergastoli e 296 anni di carcere.
Nell'istanza, presentata dal difensore Davide Steccanella, si ricorda come Vallanzasca, che a maggio compirà 70 anni, abbia trascorso in carcere 45 anni, "quasi mezzo secolo". Dal dicembre 2009 il detenuto ha iniziato a usufruire di permessi, nel marzo 2010 ha iniziato a lavorare nella cooperativa Ecolab, poi in una ricevitoria a Milano prima dell'arresto, una frenata nel suo percorso di riabilitazione che lo trasforma "da efferato omicida a maldestro ladro di boxer".
I giudici hanno acquisito la sentenza sulla tentata rapina e il rapporto disciplinare disposto dalla direzione del carcere di Bollate sul comportamento dell'agente di Polizia Penitenziaria che lo scorso agosto aveva denunciato di essere stato aggredito da Vallanzasca nell'istituto penitenziario. Per Massimo Parisi, direttore dell'equipe del carcere di Bollate, Vallanzasca deve tornare a godere della semilibertà, anche tenendo conto del fatto che durante gli ultimi anni ha tenuto il più totale "anonimato" non rilasciando alcuna intervista.

Il collegio di giudici, presieduto da Giovanna Di Rosa, si è riservato: a breve, non esiste un termine definito, deve decidere se concedere all'ex capo della banda della Comasina la liberazone condizionale o la semilibertà.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930