Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Milano, rubavano la merce in consegna: bottino da 300mila euro in buoni pasto e telefonini, 5 fermi

I loro bersagli preferiti erano i buoni pasto e le merci di tipo tecnologico, come cellulari e stampanti. Si davano da fare parecchio, secondo i carabinieri, che erano sulle loro tracce da un anno, "avevano un'attività quotidiana e frenetica". Alla fine però i militari di Sesto San Giovanni guidati dal capitano Cosimo Vizzino hanno arrestato cinque persone. Sono accusate di essere i componenti della banda che rubava i carichi degli spedizionieri. Il gruppo, formato da cittadini peruviani, è accusato di furti per un valore superiore ai 300mila euro.
Tra i fermati c'è anche un "basista" ovvero un dipendente della società Tnt "vessata ed esasperata" dai continui colpi: grazie all'aiuto di questo, i ladri si introducevano nei magazzini indossando divise marchiate e si confondevano con gli altri dipendenti, per poi trafugare i carichi e rivenderli sul mercato. A capo dell'associazione a delinquere c'era un peruviano detto "il gordo", già espulso dall'Italia ma rientrato illegalmente.
Furti agli spedizionieri di Milano: cos? la banda svuotava il camion delle consegne
Milano, rubavano la merce in consegna: bottino da 300mila euro in buoni pasto e telefonini, 5 fermi

in riproduzione....
Condividi
Fra i primi colpi quello di Rho il 17 luglio, ai danni della Tnt, in cui sparirono cellulari per 150mila euro; più recenti gli episodi di Bresso, a febbraio 2018: un furto di stampanti per 15mila euro dal quale hanno preso avvio le indagini. Ultimamente a essere colpita era stata la Confcommercio, a cui il 20 marzo i banditi hanno rubato buoni pasto per 60 mila euro; pochi giorni dopo, il 23, hanno colpito l'Istituto Auxologico a cui non sono mai arrivati buoni pasto per 53 mila euro.
Gli investigatori sono in grado di documentare anche qualche ingente furto nel Quadrilatero della moda e alcuni episodi finiti in rapina (non contestati però in questa ordinanza). Non è stato possibile recuperare la refurtiva, mentre per sollevare il dipendente della società di trasporti che aiutava i criminali è stato necessario il fermo di oggi: sebbene già precedentemente a suo carico ci fosse stato un procedimento per episodi analoghi, l'azienda non aveva potuto licenziarlo.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31