Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Pozzallo: la Open Arms resta sequestrata ma gli atti passano a Ragusa

POZZALLO (RAGUSA) - Resta sequestrata la nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms, ormeggiata al porto di Pozzallo dal 18 marzo scorso dopo il salvataggio di 215 migranti. Lo ha deciso il gip di Catania Nunzio Sarpietro che ha accolto la richiesta della procura distrettuale etnea. Il giudice ha confermato il sequestro ma si è dichiarato incompetente ritenendo non sussistere il reato di associazione per delinquere ma soltanto quello di immigrazione clandestina. Gli atti saranno trasferiti alla Procura di Ragusa.
La Procura distrettuale di Catania aveva ipotizzato il reato di associazione per delinquere e immigrazione clandestina nel soccorso del 15 marzo scorso di 218 migranti perché, secondo l'accusa, l'Ong non obbedì all'indicazione di lasciare l'intervento di recupero alla marina libica e di non avere rispettato neppure quelle dei comandi delle capitanerie di porto della Spagna e di Roma di chiedere di potere sbarcare a Malta, nelle cui acque si erano trovati per permettere il salvataggio di un neonato di tre mesi e della madre. Secondo i Pm di Catania "il loro vero obiettivo era di sbarcare in Italia", disattendendo tutte le indicazioni date.
Indagati sono il comandante della nave Marc Reig Creus, di 42 anni, e la capo missione Ana Isabel Montes Mier, di 31 anni, in concorso col coordinatore generale dell'Ong Proactiva Open arms, Gerard Canals.
Sarà così la procura di Ragusa ad occuparsi del sequestro dell'imbarcazione dell'Open Arms, della Ong spagnola Proactiva Open Arms. Venendo meno l'accusa di associazione a delinquere e rimanendo in piedi solo l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ai sensi dell'articolo 1 comma 3 della legge 286/98 la competenza territoriale passa infatti alla Procura di Ragusa.
Il procuratore di Ragusa Fabio D'Anna non ha voluto commentare la decisione del Gip del Tribunale di Catania Nunzio Sarpietro. "Prima fatemi leggere gli atti", ha detto D'Anna. E' probabile che a seguire il caso dell'Open Arms sia il sostituto Monica Monego.
[media=https://twitter.com/openarms_fund/status/978320662744981507?ref_src=twsrc^tfw]

"Se salvare le vite è reato, anche noi siamo criminali perché supportiamo Open Arms". Parola dell'attore Richard Gere e della fidanzata Alejandra Silva che intanto su Twitter hanno postato un video per sostenere la ong a cui la procura di Catania ha sequestrato la nave, ormeggiata al porto di Pozzallo. Gere non è l'unico ad aver mostrato solidarietà alla Proactiva, in tanti hanno pubblicato video con il cartello "#Freeopenarms".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31