Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Fano, cessato il pericolo: portato al largo l'ordigno bellico. Rientrano i 23mila evacuati

FANO - "Il pericolo è cessato, l'ordigno è a due miglia al largo di Fano". Così il sindaco Massimo Seri ha dato l'annuncio del cessato allarme dopo che la vita dell'intera comunità è stata temporaneamente stravolta dal ritrovamento di una bomba da 220 chili risalente alla Seconda Guerra Mondiale in un cantiere edile. Inesplosa, ma una volta affiorata dal terriccio inavvertitamente innescata durante i lavori.
Il primo cittadino ha parzialmente revocato l'ordinanza con cui ieri era stata disposta l'evacuazione di 23mila persone della cosiddetta "zona rossa", quella compresa in un'area di 1800 metri attorno al luogo del ritrovamento: ora potranno tornare a casa e anche le attività commerciali solleveranno le serrande, mentre oggi resteranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado per motivi logistici e pratici. In queste ore a Fano si assiste ancora a un grande andirivieni di mezzi, ma qusta volta si tratta di personale della Protezione civile e della Croce Rossa che stanno riaccompagnano a casa o nelle strutture residenziali anziani e persone con difficoltà di movimento.
Fano, cessato il pericolo: portato al largo l'ordigno bellico. Rientrano i 23mila evacuati

Condividi
La rimozione della bomba, che fu sganciata da un aereo britannico, è cominciata all'alba nel cantiere, ubicato sulla strada del lungomare di Sassonia. Una complessa operazione cui hanno partecipato gli artificieri dell'Esercito del Reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore (Bologna) e i palombari del Gruppo Operativo Subacquei del Comsubin della Marina Militare. L'ordigno, fa sapere la Difesa, resterà in mare almeno 144 ore prima della distruzione: la scadenza del cosiddetto 'ritardo pirico', vale a dire il periodo entro il quale potrebbe teoricamente esplodere. La distruzione, tiene a sottolineare la Difesa, avverrà con modalità "tese a preservare l'ecosistema marino".
Fano, cessato il pericolo: portato al largo l'ordigno bellico. Rientrano i 23mila evacuati

Condividi
Nel dettaglio, si tratta di una bomba d'aereo inglese MK6 da 500 libbre, dotata di un particolare dispositivo di innesco con un ritardo di armamento tra le 6 e appunto le 144 ore. Dopo una "lunga, meticolosa ed estenuante attività notturna", spiega lo Stato Maggiore della Difesa, gli artificieri dell'Esercito hanno effettuato "l'imbragatura dell'ordigno, la pericolosa rimozione e la successiva consegna al personale della Marina Militare, che ha provveduto al trasporto lontano dalla costa in mare aperto, a distanza di sicurezza da qualsiasi installazione o rotta navale".
Fano, cessato il pericolo: portato al largo l'ordigno bellico. Rientrano i 23mila evacuati

Condividi
Il sindaco Seri ha voluto ringraziare gli "uomini e donne" delle forze armate: "Nell'interesse della comunità hanno optato per un'azione (lo spostamento di una bomba innescata e a rischio esplosione, ndr), mettendo a repentaglio la propria vita per salvarne altre ed evitare situazioni gravi. E' un bel modo di servire il Paese". Sul punto, il commento del capitano di corvetta Therry Trevisan, del gruppo operativo subacquea della Marina Militare: "Le condizioni meteo ci hanno aiutato, ma saremmo intervenuti anche con condizioni meteo avverse, perché era una condizione di rischio 'Alfa', la più elevata e in questa caso bisogna intervenire comunque. Tutto è andato nel migliore dei modi. E' stata una bellissima esperienza e una soddisfazione dare supporto alla comunità e far capire che le forze armate lavorano bene insieme".
Fano, cessato il pericolo: portato al largo l'ordigno bellico. Rientrano i 23mila evacuati

Condividi
Il "grazie" del sindaco Seri si è esteso anche agli enti, alle associazioni e ai volontari che hanno assistito la popolazione evacuata durante la notte. Tra loro l'azienda di trasporti Ami, l'azienda ospedaliera Marche nord (che raccoglie i poli di Pesaro e Fano), il gruppo Fs che ha interrotto la circolazione dei treni e messo a disposizione un convoglio speciale con 600 posti letti fermo a Marotta. E ancora, alla Protezione Civile, e ai "colleghi sindaci, da Pesaro a Senigallia e della vallata" che hanno allestito strutture di accoglienza riscaldate, oltre alle forze di polizia e ai vigili del fuoco, che hanno anche fornito gruppi elettrogeni.
Passato il pericolo, sta tornando gradualmente alla normalità, dalle 6.15, anche il traffico ferroviario fra Pesaro e Senigallia (linea Bologna-Pescara), sospeso dalle 22 di ieri. I treni in viaggio hanno subìto ritardi fino a 140 minuti, mentre sette convogli sono stati cancellati, sei deviati e quattordici limitati nel percorso.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31