Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Terremoto, indagato archistar Stefano Boeri per centro polivalente a Norcia. "Un equivoco"

NORCIA - Stefano Boeri è indagato nel procedimento che ha portato al sequestro del centro polivalente di Norcia, progettato dall'archistar in seguito all'emergenza seguita al pesantissimo sisma del 30 ottobre 2016. Il suo nome compare nell'avviso di garanzia notificato anche al sindaco Nicola Alemanno. Boeri è stato coinvolto come direttore dei lavori. Il sequestro preventivo è stato disposto dal gip di Spoleto su richiesta della Procura. Nel provvedimento si sostiene che il centro polivalente "Norcia 4.0", questo il nome della struttura, è stato costruito "in assenza del necessario permesso" in un'area sottoposta a tutela paesaggistica in quanto all'interno del Parco dei monti Sibillini e sito d'interesse comunitario. Inoltre, come la struttura di Ancarano, sarebbe stato eretto come opera definitiva e non provvisoria, derogando alla normativa per la gestione dell'emergenza post terremoto.
"Sono sereno e tranquillo - replica Boeri all'Ansa -. Credo che si tratti di un gigantesco equivoco. Sono comunque senza parole. Non so come si faccia a dire che non sia temporaneo. Il centro è smontabile e rimontabile completamente, impianti inclusi". Il "Norcia 4.0" è stato realizzato con i fondi "Un aiuto subito - Terremoto Centro Italia 6.0", raccolti dal Corriere della sera e dal Tg di La7. Il sequestro preventivo è stato disposto dal gip di Spoleto su richiesta della procura. Nel provvedimento si sostiene che il centro polivalente è stato costruito in un'area sottoposta a tutela paesaggistica in quanto all'interno del Parco dei monti Sibillini e sito d'interesse comunitario.
"Mi spiace, veramente, per la popolazione che ha vissuto una vicenda drammatica - aggiunge Boeri - e si vede privata dell'unico luogo di aggregazione sicuro. Ma questo lo chieda al sindaco. Viene usato per le scuole, per il teatro, per le sedute del Consiglio comunale". "Abbiamo lavorato con il cuore in totale volontariato" tiene a sottolineare l'architetto, ricordando che il centro è stato costruito con i fondi raccolti "dagli italiani". "Come si fa a dire che non è temporaneo. E' un esempio di temporaneità. Allora anche tutte le casette non sono temporanee".
Terremoto, indagato archistar Stefano Boeri per centro polivalente a Norcia. "Un equivoco"

Il centro polifunzionale "Norcia 4.0" progettato da Stefano Boeri
Condividi
Il centro polifunzionale "Norcia 4.0" era stato inaugurato il 30 giugno del 2017, con l'apertura del primo di quattro padiglioni che avrebbero offerto ai cittadini di Norcia spazi collettivi "temporanei", sottolineava la comunicazione all'epoca dell'evento, in attesa della ricostruzione integrale degli edifici pubblici danneggiati dal sisma del 30 ottobre 2016. Distribuito su una superficie di 450 metri quadrati, il centro ospita due sale polivalenti (una da 150 posti e una da 70), divise da un blocco servizi centrale.
Realizzati in legno ("materiale a elevata resistenza e flessibilità - si legge sul sito stefanoboeriarchitetti.nt, ndr), che risponde in primo luogo all’esigenza di ottenere una struttura costruttiva antisismica") con il contributo della Filiera del Legno Friulana e caratterizzati da ampie vetrate e da una copertura a falde che riprende l’andamento sinuoso dei circostanti Monti Sibillini, i padiglioni avrebbero inglobato una piazza centrale. Ma la loro disposizione, oltre alla forma, avrebbe generato "relazioni e prospettive nuove" sul paesaggio circostante, caratterizzato dal tipico ecosistema delle “marcite” a sud e dal centro storico della città “dentro le mura” a nord.
In quei giorni, Stefano Boeri aveva curato una tre giorni di approfondimento, tra Norcia e Spoleto, pensata come momento di sintesi, di incontro e raccordo sul complesso tema della pianificazione urbanistica e architettonica tra i vari soggetti delle diverse aree geografiche interessate dagli eventi sismici nel Centro Italia. Attività inserita nelle azioni che gli Ordini degli Architetti del Centro Italia, costituitisi nel coordinamento permanente “Epicentro”, portavano avanti in collaborazione con l'allora commissario straordinario per la ricostruzione Vasco Errani, di cui Boeri era consulente.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031