Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Ha finanziato la latitanza di Messina Denaro. Arrestato Vito Nicastri, il re delleolico

Un insospettabile imprenditore ha finanziato la latitanza di Matteo Messina Denaro, il padrino di Cosa nostra che sembra diventato imprendibile dal 1993. E Vito Nicastri, il signore del vento come lo definì alcuni anni fa il Financial Times: il re degli impianti eolici da Roma in giù è stato arrestato con laccusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Le indagini della Direzione distrettuale antimafia di Palermo coordinate dal procuratore Francesco Lo Voi e dallaggiunto Paolo Guido stringono il cerchio attorno alla rete di complicità che continua a proteggere il capomafia condannato allergastolo per le stragi di Roma, Milano e Firenze del 1993.
Questa notte, un blitz dei carabinieri del comando provinciale di Trapani e della Direzione investigativa antimafia ha portato in carcere 12 persone. Individuati i nuovi colonnelli del superlatitante sul territorio i capi delle famiglie di Vita e Salemi ma anche altri gregari, piccoli e grandi, erano gli snodi dellorganizzazione di Messina Denaro, che continua a comunicare attraverso i pizzini, biglietti di carta ripiegati fino allinverosimile, che viaggiano in lungo e in largo per la Sicilia (e forse anche oltre) attraverso fidati postini.
Eolico: "Fuori i soldi o non si alza un palo"
Ha finanziato la latitanza di Messina Denaro. Arrestato Vito Nicastri, il re delleolico

Condividi
Ora, lultima traccia per provare ad arrivare al superlatitante è la borsa piena di soldi consegnata da Nicastri, così ha raccontato Lorenzo Cimarosa, il cugino acquisito di Messina Denaro che cinque anni fa ha deciso di rompere con la sua famiglia dopo essere finito in manette. Una borsa piena di soldi che Nicastri avrebbe consegnato a un fidato capomafia trapanese, Michele Gucciardi, dopo aver concluso un affare. Poi, la borsa passò a Cimarosa, e da lui al nipote prediletto della primula rossa di Cosa nostra, Francesco Guttadauro (oggi al 41 bis). Le indagini dei pm Carlo Marzella e Gianluca De Leo dicono che quella borsa fece un po di strada in provincia di Trapani a fine 2012. Ed è lultimo segno concreto di Messina Denaro in Sicilia. Poi, il nulla. Nessuna traccia, nessun cenno nelle intercettazioni. Matteo Messina Denaro è tornato ad essere un fantasma, e anche i suoi fedelissimi fiaccati da arresti e sequestri - si lamentano. Pensa solo a lui. Chissà, forse si è rifugiato al Nord Italia, o in Svizzera, o magari in Venezuela, dove ha sempre avuto buoni contatti.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2018    »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930