Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Ragazza di 20 anni uccisa in casa a Milano: fermato tranviere 40enne

Il corpo di una ragazza è stato trovato in un appartamento al secondo piano di un palazzo in via Brioschi 93, a Milano, dove vivono soltanto dipendenti dell'Azienda di trasporti. Si chiamava Jessica Valentina Faoro e aveva 20 anni, secondo i primissimi accertamenti, la ragazza è stata uccisa con due coltellate alle 4 del mattino, anche se il delitto è stato scoperto solo alle 10.30 del mattino. Per il delitto è stato fermato un tranviere di 40 anni, Alessandro Garlaschi.
La sua posizione era al vaglio della polizia fin da questa mattina. Garlaschi viveva insieme alla moglie nella casa di via Brioschi dove è stata trovata la ventenne morta. La ragazza viveva in quella stessa abitazione dopo un passato in una comunità. Durante l'interrogatorio con la pm Cristina Roveda, durato ore, l'uomo avrebbe fatto alcune parziali ammissioni. La moglie, invece è stata portata via in lacrime per essere sentita dagli inquirenti in questura.
Milano, ventenne uccisa a coltellate: gli investigatori arrivano in via Brioschi
Non sono ancora chiari i rapporti tra la vittima e la coppia così come è ancora tutta da ricostruire la dinamica dell'omicidio: il caso è appena stato affidato alla Mobile. Tra le prime ipotesi investigative - ancora tutte da verificare - il quarantenne potrebbe aver aggredito la ragazza dopo che lei aveva respinto un suo approccio. Poi sarebbe andato nel panico, avrebbe anche tentato di dare fuoco alla ragazza, avrebbe tentato di tagliarsi i polsi e avrebbe, infine, buttato il coltello. In quel momento la moglie non era in casa. La versione dell'uomo, invece, secondo le prime dichiarazioni fatte alla polizia è che c'è stata "una colluttazione mentre lei mi stava per fare un'iniezione per il diabete".
E' stato appurato che l'allarme è stato dato dal quarantenne - che pare avesse un precedente per stalking - che questa mattina intorno alle 10.30 sarebbe sceso in portineria con i vestiti sporchi di sangue e avrebbe detto: "Ho una ragazza morta in casa". Sarebbe stato lui stesso poi a chiamare i soccorsi. I condomini di via Brioschi 93 riferiscono che l'uomo, conducente di tram, avrebbe avuto negli ultimi tempi diversi incidenti di piccola entità e i responsabili avrebbero cercato di sollevarlo dall'incarico.
La via Brioschi ricorda un'altra tragedia familiare avvenuta il 12 giugno 2016. In quel caso un uomo, Giuseppe Pellicanò, fece saltare in aria il terzo piano di una palazzina facendo morire la moglie e due vicini di casa e ferendo gravemente le due figlie di 7 e 11 anni. Per aver provocato l'esplosione l'uomo è stato condannato all'ergastolo lo scorso giugno.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031