Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Macerata, il ministro Orlando visita i feriti: "Siamo vicini ai ragazzi colpiti soltanto per il colore della pelle"

Ha potuto incontrare solo uno dei feriti del raid xenofobo del 3 febbraio, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi in vista all'ospedale di Macerata. L'unica donna ferita è stata infatti sottoposta ad un intervento alla spalla lesionata da uno dei proiettili, che ha tranciato alcuni tendini.
"Ho incontrato Wilson (il più giovane, ha vent'anni e viene dal Ghana: è stato ferito al torace ndr.) - ha detto poi ai giornalisti l'esponente dem - mi pare che le condizioni siano in via di miglioramento. Credo che sia giusto manifestare tutta la nostra vicinanza e la nostra solidarietà ad un ragazzo ed ad una ragazza che sono stati colpiti soltanto per il colore delle loro pelle". "Sono venuto come ministro per difendere la nostra bandiera infangata dal gesto folle di un fascista" ha detto, tra l'altro il ministro riferendosi a Luca Traini l'uomo che, dopo la tentata strage, si è ammantato di una bandiera tricolore.
"Domani o nei prossimi giorni incontrerò anche i genitori di Pamela", ha aggiunto Orlando, "le istituzioni debbono ribadire che l'Italia è un paese civile e che non accetta forme di inciviltà come quelle che si sono manifestate qui a Macerata".
Sei i feriti curati inizialmente in ospedale, che sono stati poi dimessi o trasferiti ad altri nosocomi. Il ministro è stato accompagnato dal direttore generale Alessandro Maccioni.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031