Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

"Quando ho detto a mio figlio che la mamma aveva ucciso Lorys"

"Quando ho detto a mio figlio che la mamma aveva ucciso Lorys"
La copertina del libro di Davide Stival
Alla fine il giorno che avrebbe voluto non arrivasse mai è arrivato. In macchina, di ritorno dal cimitero dove aveva portato un giocattolo sulla tomba del fratello. Papà, come è morto Lorys? Chi è stato?. Sono passati due anni da quel tragico sabato di novembre 2014 quando il corpo di un bambino di otto anni fu ritrovato senza vita in fondo ad un canalone alla periferia di Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, e pochi giorni dalla condanna a 30 anni di carcere della mamma, Veronica Panarello. E Davide Stival, ormai separato da quella giovane donna che senza un perché gli ha ucciso il primogenito stringendogli attorno al collo una fascetta da elettricista, si ritrova a dover dire la verità al figlio più piccolo. Aveva solo tre anni quando nel giro di pochi giorni dal suo orizzonte scomparvero prima il fratello e poi la madre ( arrestata dieci giorni dopo il delitto) e il bambino non ha mai chiesto nulla, ma ora davanti alla domanda cruciale, Davide non può che dire la verità. Sceglie con cura le parole e dice: La polizia ha fatto delle indagini, ha guardato i filmati delle telecamere e ha scoperto che la mamma un giorno non lha accompagnato a scuola. Da qui si è capito che forse è stata lei a fargli del male.

Oggi, che di anni dallomicidio di Lorys ne sono passati tre e che è in corso il processo dappello a Veronica, Davide Stival ha deciso di raccontare il suo dramma in un libro Nel nome di Lorys scritto per le edizioni Piemme con il giornalista Simone Toscano e con il suo avvocato Daniele Scrofani. Un libro in cui, oltre a ripercorrere i tragici giorni dal delitto di Lorys allarresto di sua moglie, il travaglio che lo ha portato a non credere alla versione di Veronica, lo sconcerto per i sospetti di una relazione tra suo padre e sua moglie, questo giovanissimo padre trovatosi a dover portare un peso molto più grande di lui, racconta anche il silenzioso dramma del suo figlio più piccolo, messo di fronte alla agghiacciante notizia che la sua mamma, quella mamma che non vede ormai da più di tre anni, è lassassina di suo fratello.

Davide racconta così il momento in cui il piccolo gli ha chiesto chi avesse ucciso Lorys. A me si è gelato il sangue nelle vene, anche se ero preparato a questa domanda. Sapevo che sarebbe arrivata e avevo chiesto agli psicologi come avrei dovuto comportarmi: ma sentire tuo figlio di cinque anni parlare di questi argomenti ti fa male, ti riporta alla tragedia che ha colpito le nostre vite. Come ha reagito il bambino alla verità così cruda? Lui mi ha guardato e si è ammutolito. Non ha pianto. Io non ho più voluto toccare largomento, non gli ho mai parlato male di lei né ho condiviso i miei pensieri. Purtroppo, però, non è finita lì. Come naturalmente accade a qualsiasi bambino si trovi a dover affrontare una tragedia così grande come quella che si è vissuta a casa Stival, il fratellino di Lorys ha elaborato dentro di sé non solo il lutto e la mancanza della madre ma anche il senso della responsabilità. Che ha affidato, nel modo più crudo possibile ad un disegno. E successo in occasione della Festa della mamma quando a scuola linsegnante ha chiesto agli alunni di disegnare il proprio nucleo familiare. E cosha disegnato il piccolo Stival? Anziché una famiglia normale ha tratteggiato una figura nera con un coltello. E un bambino a terra in una pozza di sangue. So che è unimmagine devastante dice ancora il papà ma ho deciso di raccontarla nella speranza che si capisca ancora di più che i bambini sono esseri pulti e che tutte le cose brutte che gli adulti fanno purtroppo sono destinate a ricadere anche su di loro. Quel disegno poi, quando il papà e gli psicologi gli hanno chiesto di spiegarlo, il bimbo lo ha completato aggiungendo un poliziotto con una pistola rivolta verso la figura nera. Poi lha preso e mi ha detto: Adesso non sono più triste. E ha continuato disegnando una nuova famiglia, composta da lui, dal papà e dagli zii, una casa e un arcobaleno.

Nei giorni scorsi, il tribunale di Ragusa ha tolto la patria potestà a Veronica Panarello negandole anche il diritto a vederlo e ad essere aggiornata sulla crescita e sullevoluzione del figlio. A Diego non manca nulla, per ora sono io a pensare a lui dice Davide A lui sono rimasto io e a me è rimasto lui: siamo noi due. A Veronica voglio solo dire che ha distrutto tutti, compresa se stessa. E che per colpa sua purtroppo nulla potrà mai tornare come prima.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2018    »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031