Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Macerata, chi sono le sei vittime del raid razzista

MACERATA - Sono tutti ragazzi, il più giovane ha vent'anni appena e il più grande 32, i sei feriti nel raid nazista di Luca Traini che sabato mattina ha scatenato il panico a Macerata.

Il più giovane è Wilson Kofi, ha 20 anni e viene dal Ghana. Poi ci sono Omar Fadera, 23enne del Gambia; Jennifer Otiotio, l'unica ragazza, nigeriana 25enne, che racconta di essere stata salvata dal fidanzato. Gideon Azeke, anche lui nigeriano, ha 25 anni ed è stato ferito a una gamba. Mahamadou Toure, l'unico ferito del Mali, ha 28 anni. Infine il più grande è Festus Omagbon: viene dalla Nigeria e ha 32 anni.
Gideon Azeke, 25enne nigeriano senza documenti, ferito alla gamba davanti alla pasticceria Monachesi, in corso Cairoli, non era grave e ha chiesto volontariamente di essere dimesso in anticipo. Dopo la brutta avventura dovrà affrontare la questione dell'irregolarità della sua presenza in Italia, un problema comune anche a molti tra gli altri feriti: è il motivo per cui ha voluto lasciare subito l'ospedale di Macerata senza attendere il riposo prescritto dai medici e il possibile intervento delle forze dell'ordine, ma aver lasciato troppo presto l'ospedale non è stata una buona idea. Stamattina è tornato in pronto soccorso per una piccola, "prevedibile" complicazione: un'infezione alla ferita, da trattare energicamente.
Jennifer Otiotio, nigeriana 25enne, è l'unica ragazza ferita da Traini: si trovava con il fidanzato alla fermata dei pullman davanti alla stazione di Macerata, avevano già comprato i biglietti e stavano aspettando il pullman per andare a Civitanova. Anche lei è ricoverata nel reparto di Ortopedia dell'ospedale di Macerata, nella stessa stanza a quattro letti in cui si trova Gideon. Jennifer è stata colpita sotto la spalla sinistra, il proiettile è entrato e uscito ma le ha spaccato l'articolazione e sarà operata mercoledì per ridurre la frattura.
Mahmadou Touré invece viene dal Mali e ha 28 anni: è stato ricoverato in rianimazione con una ferita penetrante alla base dell'emitorace di destra: la sua era una delle situazioni più gravi, anche se non era in immediato pericolo di vita. Al momento le sue condizioni sono stabili, presto dovrebbe essere sciolta la prognosi ma, spiega il direttore sanitario Massimo Palazzo, "lo manteniamo in osservazione per altre 24ore per prudenza" vista la delicatezza dell'ematoma epatico.
Wilson Kofi, il più giovane, ha vent'anni appena e viene dal Ghana: è stato ferito al torace, e ricoverato in Chirugia: anche lui è stato stabilizzato ed è in costante miglioramento, si sta riprendendo e la prognosi è stata sciolta in queste ore.
Il più anziano invece è Festus Omagbon, 32enne nigeriano: ricoverato con un buco di proiettile al braccio sinistro, è stato subito trasferito ad Ancona nel reparto di Chirurgia vascolare dove sono più attrezzati per affrontare la lesione dell'arteria omerale.
Infine c'è Omar Fadera, il ragazzo 23enne del Ghambia. Lui è stato solo ferito di striscio al gluteo di destra, ed è stato dimesso sabato stesso dal primario del pronto soccorso, il dottor Emanuele Rossi.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031