Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Il giudice Cioffi si astiene, dopo l'inchiesta di "Repubblica" lascia il processo

Il giudice Cioffi si astiene, dopo l'inchiesta di "Repubblica" lascia il processo
Il giudice Giuseppe Cioffi
Alla fine è costretto a fare dietrofront. Lascerà quel processo. Giuseppe Cioffi, il giudice dei Cesaro nel Tribunale di Aversa-Napoli Nord, che non disdegnava di coltivare relazioni con i big di Forza Italia o partecipare a riunioni e convention pubbliche di partito, testimoniate anche da fotografie apparse sui social, ha presentato istanza di astensione dal dibattimento che vede imputati per collusioni con la camorra i fratelli del plurinquisito deputato di Fi (oggi candidato al Senato da Berlusconi), Luigi Cesaro.
Una scelta diventata ineludibile, a tutela di tutti e soprattutto dell'immagine della magistratura, - oltre che dell'indipendenza e terzietà della funzione - dopo l'inchiesta di "Repubblica". "Non mi asterrò, non ricorrono i motivi", aveva continuato a replicare il giudice Cioffi, fino all'altra sera. Ma dopo che testimonianze e nuove foto avevano contraddetto le sue versioni, Cioffi, presidente di collegio nel processo dove sono imputati Raffaele e Aniello Cesaro, ha consegnato la sua istanza. Ora la valutazione passa alla presidente del Tribunale, Elisabetta Garzo, che stando alle indiscrezioni aveva auspicato questa soluzione. E che si prepara a provvedere con urgenza, in mattinata , stando a quanto risulta negli ambienti giudiziari .
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031