Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Caso Bellomo, al Consiglio di Stato le denunce di altre 7 allieve: "Minigonne e niente fidanzati"

Sono state depositate le motivazioni sulla destituzione di Francesco Bellomo dal Consiglio di Stato, che da quanto emerge, giudicano adeguata la sanzione e ritengono che i comportamenti del magistrato abbiano arrecato un grave vulnus.Intanto nelle ultime settimane sono giunte al Consiglio di Stato altre segnalazioni da parte di ragazze che hanno frequentato i corsi di Francesco Bellomo e che segnalano molestie analoghe a quelle subite dalle altre candidate al concorso in magistratura.
Da quanto filtra, si tratta di sei, sette segnalazioni arrivate tutte dopo la fine di ottobre. Il 27 ottobre, infatti, dopo aver convocato e ascoltato Bellomo a seguito della prima denuncia pervenuta a fine 2016, il Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa vota una prima volta la destituzione, su cui poi si sarebbe dovuta esprimere l'adunanza generale del Consiglio di Stato, passaggio conclusos con una conferma.
Ed è proprio a fine ottobre che il caso Bellomo esplode sulla stampa, e si comincia a parlare della sua scuola per aspiranti magistrati 'Diritto e scienza', di allieve sottoposte a molestie, obbligate a firmare un contratto che imponeva un dress code con minigonna e tacchi, giudicava i fidanzati o impediva di averne, tutto per guadagnare punti per il concorso da magistrato.
A partire da quel momento diverse ragazze si sono fatte avanti e diverse nuove segnalazioni sono arrivate al Consiglio di Stato. Quello che raccontano, ripete uno schema ormai noto, che parte da un avvicinamento delle ragazze per poi trasformarsi in una forma di pressione psicologica e di controllo. L'arrivo di queste nuove denunce ha un peso in vista di un possibile ricorso al Tar da parte di Bellomo contro la destituzione.
Se questi nuovi elementi non potranno entrare nel fascicolo del procedimento disciplinare che ora va a chiudersi, potrebbero però riemergere nel caso in cui Bellomo vincesse un ricorso, fosse reintegrato come magistrato e si aprisse una nuova procedura. Aspetti che il Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa (Cpga) potrebbe anche iniziare a valutare già nella riunione di domani, quando voterà, a scrutinio segreto, la presa d'atto della destituzione: a quel punto, mancherà solo il decreto del Capo dello Stato per renderla esecutiva.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30