Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Torino, Appendino fa il bilancio 2017: "Arriveremo a fine mandato, non sar? un miracolo: stiamo lavorando bene"

Usare l'amministrazione "come strumento di consenso elettorale è una cosa che non farò come sindaco e che rigetto come logica". A dirlo, in occasione della conferenza stampa di fine anno della giunta, è la sindaca di Torino, Chiara Appendino. "Auspico un governo a Cinque Stelle, sono orgogliosa di far parte del Movimento, ma io faccio il sindaco, rappresento la comunità e solo in secondo luogo una forza politica: sarà il M5s a fare campagna elettorale". "Noi non rincorriamo il consenso - ha aggiunto - ma il nostro approccio è quello di fare scelte strutturali per risolvere nodi irrisolti da tempo, cosa più difficile che non mettere una pezza con soluzioni temporanee. E lo dico alla vigilia di una campagna elettorale dove si cercherà di utilizzare l'amministrazione come strumento di consenso, cosa che io non farò e che rigetto come logica".
Sulla fase finora più difficile Appendino non ha dubbi: "I fatti di piazza San Carlo sono una ferita aperta della città. Una ferita che non si cancella. Dal punto di vista umano è stato il momento più complicato che ho dovuto affrontare nell'ultimo anno. "Una comunità, però, deve andare avanti e guardare al suo futuro".
E appunto a proposito della durata della sua giunta: "Non sarà un miracolo: arriveremo a fine mandato perchè stiamo lavorando bene, con senso di responsabilità. Quel senso di responsabilità che ci dice di arrivare fino alla fine e noi arriveremo a fine mandato. Ci dicevano - ha aggiunto - che saremmo caduti in sede di approvazione del bilancio, invece siamo ancora qui. Continuiamo a fare bene il nostro lavoro, continueremo a lavorare per i prossimi tre anni e mezzo per prendere le decisioni che fanno il bene della città".
"Il 2017 è stato un anno impegnativo e complesso, ci sono state difficoltà che abbiamo affrontato con coraggio e responsabilità - ha detto Appendino - Il nostro obiettivo è affrontare in modo strutturale i nodi irrisolti da anni sapendo che questo è un'operazione molto più complessa che mettere delle pezze di volta in volta. Torino è una città che ha capacità di innovazione e di creare ricchezza non solo economica ma anche sociale: per cogliere la ripresa in atto, che ora comincia a farsi sentire anche a livello locale, vogliamo costruire una comunità con solide radici sul piano economico e culturale".
"Una città è sana - ha aggiunto la sindaca - se ha un bilancio sano e se le sue strutture sono sane. Abbiamo scelto il piano di rientro, un percorso più complesso del pre-dissesto ma in grado di dare un futuro alla città. Avremmo potuto dare la colpa ad altri dei tagli che purtroppo si dovranno fare ma abbiamo fatto una scelta di responsabilità optando per la strada più difficile, ma in cui avremo margini di manovra".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30