Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Palermo: entra nella Ztl sette secondi prima del via libera, multato

Bastava che Giuseppe Gargano fosse rimasto fermo al varco della Zona a traffico limitato altri sette secondi per evitare che dal suo portafoglio volassero via poco meno di 100 euro. Uno… due… tre… quattro… cinque… sei e… sette. Ecco, tanto è bastato per far scattare la multa più “sfortunata” del 2017.
Non ci poteva credere Giuseppe Gargano di dover pagare l’equivalente di due giornate di lavoro per soli sette secondi, più o meno il tempo di allacciarsi le scarpe. Ha pensato ad uno scherzo quando ha aperto la busta con la contravvenzione da 93,98 euro per essere entrato in Ztl sette secondi prima delle ore 20, l’orario di fine limitazione al traffico. Giuseppe ha guardato sconsolato per giorni quel verbale in cui la polizia municipale gli contesta di essere transitato sotto la telecamera di porta Felice alle ore 19, 59 minuti e 53 secondi del 29 settembre.
“L’orologio della mia auto segnava le 20 in punto – racconta Gargano – Come molte altre sere ero fermo al varco in attesa che scattasse la fine della Ztl. Quel giorno avevo sistemato l’orologio della mia auto dopo aver sostituito la batteria. Sarei stato uno stupido se avessi deciso di entrare alle 19,59”. Non immaginava certo che fra l’orologio della sua auto e quello del computer che gestisce le telecamere ci fosse una discrepanza di sette secondi. “Mi chiedo come avrei potuto sincronizzarmi con quell’orologio – prova a scherzarci su Gargano – Farò sicuramente ricorso. Possibile che solo a me capita l’unico sistema svizzero in tutta Palermo?”
Si sa che l’occhio elettronico non ha un cuore, ma chi ha attivato il sistema avrebbe dovuto prevedere un minimo di tolleranza. “Capiamo il problema dal punto di vista umano, ma dal punto di vista burocratico sette secondi valgono sette ore per il sistema che è completamente automatico – commenta il vice comandante della polizia municipale Luigi Galatioto – Detto questo la multa elevata al cittadino per sette secondi è una questione che affronteremo a breve con il Comune per trovare una soluzione a questi casi limite”.
Nelle Ztl delle altre città italiane per evitare questi casi limite o ci sono i cartelli luminosi a tutti i varchi con una sorta di semaforo che avvisa quando inizia e quando finisce la limitazione oppure i sistemi elettronici hanno una soglia di tolleranza che va dal minuto ai tre minuti, oltre i quali scatta la sanzione.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031