Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Migranti, a Roma i movimenti in corteo per chiedere "Diritti senza confini"

"Diritti senza confini", recita lo striscione in testa alla manifestazione lanciata da un centinaio di associazioni, movimenti e sindacati: dai Cobas, Usb, al centro Baobab, i movimenti per il diritto all'abitare, migranti, richiedenti asilo e rifugiati, fino agli studenti. Il corteo, partito verso le 15 da piazza della Repubblica raggiungerà piazza del Popolo.
Le diverse realtà sociali sono scesi in piazza per rivendicare "il rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari ai profughi senza protezione internazionale, l'abolizione della legge Bossi-Fini, della Minniti-Orlando del Trattato di Dublino III". Dalla piazza si levano voci e cori a favore del riconoscimento dello Ius soli, dell'ampliamento dei diritti e dell'integrazione.
Tra bandiere, slogan e striscioni delle varie associazioni, che colorano la manifestazione, ad animare la manifestazione anche la musica proveniente dalle casse audio installate sul cassone di un camion, che accompagna il cammino dei manifestanti. "Libertà e diritti senza confini" è l'urlo che si alza dal serpentone umano.
"No schiavitù no accordi criminali", "Non siamo pacchi postali", sono alcuni dei cartelli tenuti in mano dai migranti in testa al corteo. Tra gli striscioni alcuni con su scritto "Ius omnibus" , "Uniamo le lotte" e "schiavi mai"; E poi pettorine rosse con la frase "Diritti senza confini", bandiere "Stop sfratti e sgomberi" e "No tav".
"Siamo quelli che vengono confinati in centri di accoglienza e nelle periferie. Siamo disoccupati e senza casa - dicono al megafono gli organizzatori- Siamo uomini e donne colpiti in questi anni da leggi infami. E' la nostra giornata. E' la giornata degli esclusi, degli invisibili.

Sfileremo per le strade di Roma. Ci riprenderemo la nostra dignità. Abbiamo sete di diritti e libertà".
La piazza da cui è partito il corteo è stata chiusa al traffico ed è presidiata dalle forze dell' ordine. "Siamo in attesa di altri pullman -spiegano dai movimenti- sono stati bloccati ai vari caselli di ingresso nella Capitale per i controlli. Ci sono state perquisizione e sono stati richiesti documenti a chi era a bordo".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31