Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Catania, il duplice omicidio di Ramacca: l'autore incastrato dalle telecamere e da una soletta per scarpe

Una rapina che si è conclusa tragicamente: risolto in meno di 12 ore il giallo del duplice omicidio di Ramacca, le sorelle Maria Lucia e Filippa Mogavero. I carabinieri hanno sottoposto a fermo di polizia con l’accusa di omicidio Gianluca Modica, un uomo di trent’anni, sorvegliato speciale, pregiudicato di Ramacca con precedenti per droga. Sarebbe stato lui ad assassinare le due donne in un maldestro tentativo di rapina. L’autore del delitto è stato incastrato anche dalle telecamere di sorveglianza dei negozi che si trovato accanto a via Archimede, la strada in cui abitavano le due donne. A fornire un riscontro è stata una soletta delle scarpe Timberland trovata sulla scena del delitto. A scoprire i corpi massacrati è stata Concetta Mogavero, la terza sorella che viveva assieme alle due vittime, al rientro da scuola.
Drammatica la scena che le si è presentata davanti occhi: il corpo di una delle sorelle uccise è stato trovato in un ripostiglio, l'altro riverso nella camera di letto. L'appartamento si trova in una palazzina a tre elevazioni, che ha una uscita sul retro da dove potrebbe essere scappato l'assassino. Le vittime sono state raggiunte da una serie di fendenti sferrati con un coltello su più parti del corpo. I carabinieri ritengono al momento prevalente la pista della rapina anche per il disordine provocato dall'omicida che ha messo a soqquadro l'appartamento.
A meno che, viene detto, non sia una messinscena per sviare le indagini. Gli investigatori stanno ricostruendo dinamica e tempistica del delitto. "Non ho alcuna ipotesi. Sono entrati e hanno fatto quello che volevano", dice Giovanni Mogavero, fratello delle due vittime massacrate a coltellate a Ramacca. Carabiniere in pensione che vive ad Enna, non vuole dire nulla: "La mia esperienza la tengo per me". Sono dei mostri? "Certo chi fa una cosa del genere non è una persona sensibile".
Per il procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, "è l'ennesimo massacro che si registra nel Calatino, sono già sette gli omicidi registrati. Alcuni dei quali molto efferati. Lavoriamo in condizioni molto difficili. La scena del delitto è raccapricciante. Donne picchiate e colpite con arma da taglio. Bisogna fermare questo massacro. Noi e le forze dell'ordine siamo impegnati al massimo con i problemi di organico e anche legati al territorio e alla criminalità presente".
Per il sindaco, Giuseppe Limoni, si tratta di "una tragedia immane che ha gettato nello sconforto tutta la nostra comunità. Nessuno di noi ha idea di chi possa aver commesso un gesto così atroce ed efferato. Siamo una comunità di 10 mila persone e ci conosciamo tutti, il nostro non è un paese che ha la violenza nel suo Dna. Le vittime erano due anime pie, due persone veramente per bene, tutte casa e chiesa". Domani vertice nella prefettura di Catania. Per venerdì, invece, è stata organizzata una fiaccolata.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031