Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Ilva di Taranto, Emiliano risponde all'appello del vescovo: "Ok al dialogo". Ma Calenda non cede

"Ho letto con grande interesse e condivisione l'intervista al vescovo di Taranto che invita la Regione Puglia ed il governo a sedersi immediatamente al tavolo e do la mia immediata disponibilità". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commentando appello sul "riannodare il dialogo tra le istituzioni" avanzato dal vescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro.
"Quando ci si deve sedere per parlare e per trovare una via di uscita non si pongono condizioni. Questa - ha sottolineato Emiliano - è una regola fondamentale. D'altra parte senza l'impugnativa fatta sarebbe stato difficilissimo - secondo Emiliano - convincere il governo e l'azienda a ragionare con la Regione Puglia e il Comune di Taranto del piano ambientale ed industriale dell'Ilva".
"Ovviamente non è nostra intenzione porre pregiudiziali e persino la decarbonizzazione, una cosa intelligente, non lo è. Smettiamo quindi - ha aggiunto Emiliano - di dire agli altri cosa devono fare ed a paventare mali gravissimi" . "Riuniamo immediatamente il tavolo per Taranto e cominciamo a trattare. Il piano industriale e ambientale sono per certi versi illegittimi e per altri gravemente deficitari, ma si possono - a giudizio di Emiliano - tranquillamente aggiustare senza fare troppi drammi o ricatti reciproci. La disponibilità ad accogliere l'appello del vescovo è da parte nostra - ha concluso Emiliano - totale e immediata".
Ma il ministro Carlo Calenda non cede. Il ministro dello sviluppo ha rinnovato l'invito al governatore della Puglia a ritirare il ricorso al Tar su Ilva. "L'invito è sempre lo stesso: ritiri il ricorso, apriamo un tavolo di confronto, perché non si può chiedere di aprire un confronto quando il confronto quando il confronto lo si sposta sui tribunali. E questa non è una cosa corretta", ha detto Calenda a margine del decennale della quotazione di Maire Tecnimont.
"Io sono sempre pronto a vederlo, sentirlo e parlare con lui - ha detto Calenda di Emiliano -, come del resto ho fatto quando ci siamo visti al ministero dove lui era molto soddisfatto poi si vede che ha cambiato idea e ha fatto ricorso". "Per me la cosa importante è risolvere questo problema e non allontanare da Taranto un piano ambientale importante e un piano di investimenti fondamentali", ha detto il ministro.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2017    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031