Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Milano, sul cavalcavia cancellata la scritta "Bella ciao" sostituita con "Duce a noi": il quartiere si mobilita

E' partito da lì quel progetto fatto di immagini e parole che, attraverso una serie di 20 murales, vuole trasformare l'Ortica in un museo a cielo aperto della memoria. Dal cavalcavia Buccari, all'Ortica, dove studenti, abitanti e gli artisti di zona, gli Orticanoodles, avevano scritto a grandi lettere: "Bella Ciao Milano". Un murale dipinto per festeggiare i 70 anni della resistenza che, nella notte, qualcuno ha cambiato in un inno fascista: "Duce a noi".
Milano, sul cavalcavia dell'Ortica le parole "Bella ciao" sostituite con "Duce a noi"
"Uno sfregio alla convivenza civile e al progetto che sta nascendo", denuncia la presidente del Municipio 3, Caterina Antola. Di più: "Un atto gravissimo che denunciamo con tutta la forza che abbiamo". Anche perché, questa "provocazione inaccettabile" arriva a pochi giorni dal blitz dei naziskin a Como. E, soprattutto, alla vigilia della manifestazione antifascista che, sabato 9, si svolgerà sul lungolago di Como.
Il primo impegno della giunta arriva con l'assessore all'Urbanistica, Pierfrancesco Maran: "Questi vigliacchi non passano né a Milano né all'Ortica. Ci mettiamo subito al lavoro contro questo sfregio nel quartiere che si sta caratterizzando per la memoria democratica". Ma è dal quartiere e da chi quel murale lo ha realizzato che parte la reazione. Con una giornata di "mobilitazione" che, annuncia Giovanni Lanzetti, presidente dell'associazione Ortica Memoria, sarà organizzata venerdì 15 dicembre alle 18: "L'Ortica aspetta tutti i cittadini, le associazioni, le istituzioni, le scuole con cui collaboriamo da diversi anni e gli amici del nostro quartiere, per ridare insieme colore alla scritta "bella ciao", che tornerà a risplendere ancora più luminosa sul nostro cavalcavia, contro ogni fascismo, vecchio e nuovo. La cooperazione di tutti per il bene di ognuno, l'abbiamo scritto sul muro e ci crediamo".
Anche il segretario milanese del Pd, Pietro Bussolati, denuncia. Rivolgendosi direttamente a chi ha cancellato la scritta: "Da vigliacchi quali siete avete sostituito la scritta "Bella Ciao Milano" e lo avete fatto di notte come si addice ai beceri quali siete. Mettetevelo bene in quelle teste rasate: ognuna delle schifezze che farete ci rafforza. Ogni volta di più. Saremo tantissimi il prossimo 9 dicembre a Como per ricordarvi, fascisti, che la memoria non si cancella".
La storia di quel murale la ricorda chi lo ha creato.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2017    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031